Skip to main content

Full text of "Bollettini ECN Milano"

See other formats


ecn milano 


18 maggio 1992 



Centro Sociale Leoncavallo 

Via Leoncavallo 22 - 20131 MILANO - Modem 02 2840243 - Tel./Fax 02 26140287 


INDICE DEI CONTENUTI 


1 

TOTALE.TXT 

( 10 / 05 / 92 ) 

2 

GE920510.ZIP 

( 10 / 05 / 92 ) 

3 

ROVIGO.DOC 

( 12 / 05 / 92 ) 

4 

GE920511.1 

( 12 / 05 / 92 ) 

5 

MI20512A.TXT 

( 12 / 05 / 92 ) 

6 

SSG20512.TXT 

( 12 / 05 / 92 ) 

7 

GE920511.2 

( 12 / 05 / 92 ) 

8 

B020511A.ZIP 

( 13 / 05 / 92 ) 

9 

BO20511B.ZIP 

( 13 / 05 / 92 ) 

10 

BO20511C.ZIP 

(13 / 05 / 92 ) 

11 

MI20513A.TXT 

( 13 / 05 / 92 ) 

12 

RIV1992.ZIP 

( 14 / 05 / 92 ) 

13 

INTPELT.TXT 

(14 / 05 / 92 ) 

14 

LAMBR092.ZIP 

(14 / 05 / 92 ) 

15 

CAY0514.WRI 

(14 / 05 / 92 ) 

16 

MI20514A.TXT 

( 15 / 05 / 92 ) 

17 

CORTE.TXT 

( 15 / 05 / 92 ) 

18 

MI20515A.TXT 

( 15 / 05 / 92 ) 

19 

B020515.TXT 

( 15 / 05 / 92 ) 

20 

GE20515.TXT 

( 15 / 05 / 92 ) 

21 

MIGE155A.TXT 

( 15 / 05 / 92 ) 

22 

LYON.TXT 

( 16 / 05 / 92 ) 

23 

LONDRA.ZIP 

( 16 / 05 / 92 ) 

24 

DRUG.TXT 

( 16 / 05 / 92 ) 

25 

GE20516.TXT 

( 16 / 05 / 92 ) 

26 

PIETRO.TXT 

( 17 / 05 / 92 ) 


dichiarazione di obiezione totale 

News from Spinnetz Berlino Womens Meeting 

RO90592 C.S. Via Mure ROVIGO Contro la guerra 

programma comitato univers. controcolomb 

MI - Nazi Bruciano Laboratorio Anarchico 

MI SGOMBERATO CSO CORTE DEL DIAVOLO 

ultime notizie iniziative a genova 

Art. Su spazi sociali (da Boll. ECN-BO) 

Editoriale ultimo Bollettino ECN (Bologna) 

Assassinio nomade da parte dei carabinieri 
MI Tentativo ATTENTATO NAZI a COX 18 
estensione della parte prepositiva di POLEFIN1 .ZIP 
Bollettino indiani 

MI Doc. Convocazione PARCO LAMBRO '92 
dalla cayenna in merito attentato cox 
MI Falliti attentati contro Aspromonte e Pergola 
SSG Com. C.S.O. Corte Del Diavolo su cariche 
MI ANTIFASCISMO MILITANTE contro NAZISKINS 
lettera immigrati ad amministratori 
genova 3 fermi controcol. (richiesta new) 

ECN MI telefonata da GE 22.30 
Da ECN Parigi 

intervista a due compagni di Londra 
comunicato su morte amico tossico a Verona 
Notizie da Manifestazione Genova h 18:30 
21 maggio processo a Pietro Bonadonna obiett. totale 


ECN MILANO 



1 File : TOTALE.TXT 


Riportiamo, di seguito, la lettera con cui Massimi- 
liano Terzi, compagno del Collettivo Anarchico "La 
Pecora Nera" di Verona, si è dichiarato obiettore 
totale e non-sottomesso, rifiutandosi di svolgere, 
dopo il servizio militare, anche il servizio civile 
presso il Comune di Sommacampagna (VR), ente 
presso cui era stato destinato. 

Dopo Michele Pircher a gennaio, anche Massimi- 
liano sceglie di non sottostare ad alcuna autorità o 
istituzione totalizzante. 


AL COMUNE DI SOMMACAMPAGNA 
AL DISTRETTO MILITARE DI VERONA 
AL MINISTERO DELLA DIFESA 

lo sottoscritto Massimiliano Terzi, nato a Verona il 
7.1.1971, ivi residente in Via Franca maria Catta- 
rinetti, 16, dichiaro di essere intenzionato, ne ora 
ne mai, a svolgere qualsiasi tipo di servizio impo- 
stomi, sia esso servizio militare di leva che servizio 
civile sostitutivo. 

Sento il bisogno, forte, sempre, di esprimere me 
stesso, le mie idee, i miei sentimenti, le mie espe- 
rienze, il mio modo di vivere, associandomi libera- 
mente a persone che rispettino le mie scelte e che 
per questo non mi obblighino a seguire modelli che 
considero falsi ed ingiusti, perché non lo voglio e 
non ne sarei capace. 

Ritengo ogni individuo "padrone" della propria vita, 
ma non della vita dì altre persone o di altri esseri. 
Per questo odio ogni forma dì autorità. 

Ritengo la struttura organizzata statale letale per la 
libertà di ogni persona, in quanto, data la sua con- 
formazione gerarchica e repressiva, vincola le 
scelte dell'individuo al mantenimento di se stessa, 
del suo potere e dei suoi falsi valori. 

Non c'è bisogno di essere chiusi in quattro mura 
per sentirsi privati della libertà. 

Voi mi tenete in una cella in ogni momento della 
vita con il vostro autoritarismo, con le vostre morali 
che puzzano di carneficina e che ritenete valide 
per tutti, con i vostri controlli sulla mia vita, con le 
vostre stupide frontiere che stabiliscono il nome dei 
diversi padroni, con i vostri eserciti con cui impo- 
nete il consenso e difendete violentemente il vostro 
potere e i vostri privilegi. 

Voi rappresentate tutto quello che io odio e rin- 
nego. 


Per questo ora non vi riconosco il diritto di rubarmi 
anche un solo istante della mia vita per i vostri 
sporchi interessi. 

lo non voglio essere un vostro complice. 

Verona, 5 maggio 1992. 

Massimiliano Terzi 


2 File: GE920510.ZIP 


entry : SpinB 
from : SpinB 
to : all 

subject : Contents of ECN-DE from 92-05-10 

Sorry, we bave oniy one Text until now, but maybe 
we can send you more tomorrow ! 

Frauenww.wwg 

Womens-meeting against WWG in Munich 

In this text is in thè originai a women and lesbian 
sing in it please pu it in **** 

There's not oniy thè OKTOBERFEST in Munich 
**** organize themselves against thè WORLD 
ECONOMIC SUMMIT 

(we bave decided to use this symboi **** to name 
and make ciear thè different origìn, culture and/or 
color of women and lesbians) in 1992 several 
officiai politicai events will take place: in june thè 
UN Ecolology conference starle in Rio de Janeiro, 
then thè World Economie summit follows in munich 
from thè 6th to thè 8th of July, and on october thè 
12th thè next highiight will be thè celebrations of 
500 Years Colonization of America and finally at 
thè beginning 6f 1993 there will be thè officiai 
introduction of thè European domestic Market- 
These events are thè expression of a System of 
racist destruction, explonation and suppression, 
as well as pushing through a wh@e-western-rnale 
World view. In July 92 thè World Economie Summit 
takes place in Munich, where thè heads of state of 
thè 7 wealthiest countries (USA, Japan, Germany, 
Franco, Italy, Great Britain, Canada) meet to 
determino thè worid economy's fate. World 
Economy Summits promote thè supposediy well 
working so calied market economy, thè 
demonstration of ìmperialistic power and thè self- 
portrayal of thè governments. The Munich World 
Economìe Summit ist held in thè context of thè 
Soviet Union breakdown and thè new German 
World power position. The host 'Greater Germany" 



wants to demonstrate his claim for a dominative 
postnion in thè world. The World Economie Summn 
expresses cleorly thè continuity of 500 
years'colonization and of thè ruling conditions. 

It is no coincidence that thè World Economie 
Summn takes place in Munich of all. The wealthy 
High-Tech metropolis Munich makes an excellent 
background for a power demonstration like those 
summits are showing. At thè same time thè 
organizers want to offer thè world public a trouble- 
free cot-irse @Df thè sli,-nmit w@hoc an", critichi 
op'ltional voices conforminq to thè image of 
Munich as a "paeffied" city. For years Munich has 
been thè forerunner in thè FRG concerning 
repression. In Munich thè conditions for a radicai 
left-wing polnical work and even for moderate 
pol@ics bave been increasingly aggraveted. This 
and tentatives to criminalize were are first tested 
and pushed through in Munich to be expanded 
afterwords troughout thè whole country. As there 
are: Prohib@ion of "disguise" in manffestations, 
d@facto-prohibitions of events, officiai presence 
of police forces wnh tape recorders, cameras etc. 
at events, thè massive intimidation and 
criminallzation even in thè preliminary stages of 
activnies. We, thè opposing movement against thè 
World Economie Summit are confronted with these 
threatenings constantly. 

Different pol@ical groups meet continuously on a 
nationwide levei as weil as in Munich to plan- 
anti-actlvnies against thè World Economie Summit. 
Until now thè following anti-activnies bave been 
concluded: 

- a manffestation at July 4th, for which we 
mobilize nationwide and in whole Europe. 

- an International anti-congress from thè 3rd to 
thè 5th of July. 

- days of events wdh decentralized activities 
during thè summit from thè 6th to thè 8th of July. 

For us, ****, who work against thè World Economie 
Summit, it is important to represent thè issues 
from our **** point of view, that means not just as a 
"sub-issue" within thè generai anti- campaign. 
Yet thè world economie order is not something 
abstract, but determines our everday's Iffe and thè 
different functions, we are asked to carry out 
woridwide as ****. We don't want a debate on thè 
ruling world order reduced merely to economie 
analysis. For us, it is important to work out thè 
inter-relation of our politicai issues - for exampie 
violence against giris and **** population poKgics, 
refugee politics, European Market'92, 
womens'jails... - wehin thè world wide economie, 
sexist and racist power structures. To make @ 
clear, thè question is, in which different ways does 


thè world economy affect thè condnions of our 
everyday's life as **** ? But we as wen want to 
pick out, that **** also do profit from thè ruling 
racist System. + 

The manifestation on thè International womens' 
day at thè 8th of March and a sequence of events 
for **** which will be continued up to thè summit, 
give a first expression of thè content and thè 
orlentation of thè whole campaign in Munich. Also 
in other German cities **** activities are planned in 
thè run-up. There are several preparatory 
meetings also on thè nationwide levei concerning 
thè planning and thè coordination of anti-activities 
before and during thè World Economie Summit: 
There will be an independent **** faction at thè 
manifestation which shouid bave an 
internationalistic character. There is a very 
intensive mobilization especialiy in thè radicai left. 

The programme of thè International anti-congress 
untit now looks like this: 

The intention is to strive for a dialogue with male 
and temale representatives of grass roots, 
peopies and liberation rnovements. The congress 
ist set up in two parts, thè analysis of thè current 
situation and thè development of polncal utoplas 
and strategies of liberation. The congress is 
divided in 7 forums wnh different focuses and 
working groups: 

- 500 years colonization - 500 years of resistance 

- about democracy and human rights 

- Racism - migration 

- Ecology 

- Eastern Europe 

- maintainance and preservation of thè ruling 
power 

- world economy 

- an independant womens'forum 

The womens'forum will be organtzed 
autonomously with and for ***** The focusing 
subject shall be thè population polnics. In thè 
second pati n is planned a discussion of all 
interested ***** of thè mentioned forums about thè 
present state and prospeets of International ****** 
resistance in its different settings. 

Pati of thè discussion in alt forums shouid be 
sexism, thè systematic violation of human rights 
and thè respective role of Germany. The congress 
is going to bave a definite anti-racist orlentation. 

50 % of all speakers shalt be ***** The congress 
shall not stand in competnion to thè manifestation 
and take place at thè same time. 

The congress will be organized of an alliance of 
groups wnh very different politicai orlentation. 



Therfore it is qu@e hard to find an generai 
agreement and- we will see by thè time how thè 
practical realizatìon of thè conception really will 
look like. 

- There are going to be autonomous ****** 
activnies during thè days of thè campaign. The 
subjects which aiready bave been worked on are 
refugee pol@ics, population pol@ics and thè 
snuation of **** in jail. 

We hope that there will be a graet powerful 
international participation of ***** concerning our 
anti-activies. 

If you bave any questione or if you are interested 
in our preperation work, consult: 

Frauenkoordination (womens'coordination) 
c/o Werkhaus 
Leonrodstra/3e 1 9 
D-8000 Mùnchen 19 

Tel.: 089/168116 

V.I.s.d.P. Gisela Wagner, c/o Frauenkoordination, 
LeonrodstrajSe 19, 8 000 Mùnchen 19 


3 File : ROVIGO.DOC 


Sabato 9 maggio, il C.S.O. di Rovigo e la fanzine 
"Fankulo a tutti" hanno organizzato uno sciopero 
studentesco con concerto in P.zza Vittorio Ema- 
nuele. L'iniziativa, CONTRO LA GUERRA, PER 
L'OBIEZIONE AL SERVIZIO MILITARE, e contro 
le celebrazioni colombiane, hanno visto una grossa 
adesione e la presenza di un centinaio di studenti 
in piazza che hanno sostenuto in maniera creativa 
l'iniziativa, anche quando Digos e vigili, con il pre- 
testo del volume troppo alto, hanno imposto mi- 
nacciando un intervento di forza, la fine del con- 
certo. Ancora una volta la polizia interviene dimo- 
strando che in un'era di GUERRE non è concesso 
di esprimersi se non a FAVORE DELLA GUERRA; 
se poi le iniziative contro la guerra nascono da un 
movimento e non da un partito, allora la cosa di- 
venta ancora più problematica. Vogliamo denun- 
ciare l'atteggiamento deH'amministrazione comu- 
nale che prima concede i permessi e poi sostiene 
le pretestuose motivazioni poliziesche in un gioco 
ambiguo di rovesciamento delie responsabilità. 

Nonostante tutto, anche se per poche ore, siamo 
riusciti a strappare la piazza alle mani di bottegai e 
cittadini dalie orecchie troppo sensibili, esprimen- 
doci con il nostro linguaggio ma sopratutto con la 


coscienza che siamo soggetti reali, vivi e in grado 
di modificare il presente quando non ci piace. 

C.S.O. Via Mure Ospedale ROVIGO 
Fanzine "Fankulo a tutti" 


4 File : GE92051 1.1 


GENOVA 

testo del volantino distribuito all'università' 

mancano ormai pochi giorni all'inaugurazione uffi- 
ciale dell'Expo' momento culminante delle cele- 
brazioni del cinquecentenario della "scoperta" 
deH'America, che noi preferiamo chiamare conqui- 
sta. 

Migliaia di miliardi sono piovuti su Genova e sono 
stati utilizzati in maniera alquanto discutibile: non 
sono stati risolti i problemi reali della citta', ma sono 
state fatte solo operazioni di facciata per creareuna 
citta' vetrina. 

Un imponente apparato di repressione, dispiegato 
capillarmente nel centro storico e legittimato da 
una massiccia campagna stampa vuole impedire 
ogni azione di dissenso accusando di terrorismo 
chiunque si oppone a queste celebrazioni. 

A TUTTO QUESTO DICIAMO NO !!!!!!!! 

DA MARTEDÌ' 12 A SABATO 16 MAGGIO L'AULA 
M DELLA FACOLTA' DI LETTERE IN VIA BALBI 
4, GENOVA, DIVENTERÀ' IL POLO DI INFOR- 
MAZIONE E AGGREGAZIONE DI TUTTI CO- 
LORO CHE SI VOGLIONO MOBILITARE CON- 
TRO LE CELEBRAZIONI COLOMBIANE E CON- 
TRO L'EXPO'. 

MERCOLEDÌ' 13 h. 15 P.zza CAMPETTO — 
PRESIDIO — 

GIOVEDÌ' 14 AULA M h. 10 — VIDEO SUL SAL- 
VADOR — 

h. 15 — ASSEMBLEA CITTADINA - 

h. 18 — VIDEO POPOLO SIOUX — 

VENERDÌ' 15 ore 15,30 — PRESIDIO in PIAZZA 
SARZANO — 

SABATO 16 MAGGIO '92 P.zza DE FER- 
RARI 

MANIFESTAZIONE NAZIONALE 
dopo il corteo CONCERTO in piazza Sarzano 

collettivo universitario contro le celebrazioni co- 
lombiane. 



5 File : M 12051 2A.TXT 


Milano - Redaz. Ecn 

Nella notte di giovedì' 7/5/92 e' stato incendiato e 
distrutto il "Laboratorio di comunicazione di ricerca 
e sperimentazione sovversivo anarchico" di Via De 
Amicis 10, a Milano. Dopo che i pompieri hanno 
spento l'incendio sono state trovate all'Interno dei 
locali (si tratta di uno stabile occupato in quartiere 
ticinese) scritte naziste di rivendicazione (Azione 
Skinhead). 

Nella notte di venerdì', nel corso di una rissa tra 
naziskins, la polizia ha arrestato 2 di loro che, se- 
condo i giornali, si sono attribuiti "il merito" 
deH'azione. 

Nel pomeriggio di sabato 9 maggio i naziskins 
sono ritornati (in una settantina) davanti allo sta- 
bile, presidiato da alcuni degli occupanti, e hanno 
rivendicato personalmente l'attentato. 

Anche nella giornata di domenica gruppi di nazi- 
skins in automobile hanno fatto caroselli attorno al 
Laboratorio sventolando bandiere tricolori e fa- 
cendo saluti nazisti all'indirizzo dei compagni. 

Presso il Laboratorio Anarchico e' convocata per 
giovedi' 1 4 - alle ore 21 - un'assemblea di movi- 
mento. 

ecn milano 


6 File : SSG20512.TXT 


BERLUSCONI, PS E CC CONTRO LA CORTE 

Ancora una volta il potere ha mostrato la sua ar- 
roganza con un'ingente azione di forza atta a 
sgomberare e demolire il C.S.O. Corte del Diavolo. 

Questa mattina, 12/5/1992, una colonna di blindati 
di polizia e carabinieri e i soliti digos ha bloccato in 
viale Marelli per permettere agli operai mandati dal 
comune di poter tranquillamente radere al suolo il 
luogo dove dal 26/10/91 un gruppo di giovani ap- 
partenenti a diverse realta' cercava di portare 
avanti un lavoro di socialità', di aggregazione, di 
dibattito e iniziativa antagonista. 

Non sono mancati atti di provocazione da parte 
delle forze dell'ordine con perquisizioni personali e 
atti di violenza verso un compagno che e' stato poi 


denunciato per oltraggio pur essendo la sua unica 
colpa il fatto di essere presente sul luogo. 

L'azione si e' concretizzata "grazie" alla partecipa- 
zione del caro Berlusconi (proprietario 
deH'immobile) e con la complicità' del comune (la 
cui giunta di pseudo-sinistra e' guidata dai 
"compagni" del PDS) che, oltre a non interessarsi 
ai problemi e alle esigenze dei giovani, trae con- 
venienza da queste azioni violente in maniera tale 
da potersi intascare le tangenti che gli arrivano coi 
grossi progetti speculativi già' in corso per trasfor- 
mare Sesto in un miliardario polo commerciale 
(vedi chiusura delle grosse fabbriche, licenziamenti 
e cassa integrazione di massa). Oltre a questo c'e' 
il solito progetto politico (messo in atto, non a caso, 
dopo le elezioni) di ghettizzare le masse proletarie 
al di fuori dei centri urbani. 

NON SARA' CERTO UNO SGOMBERO DI POLI- 
ZIA A FERMARE LA NOSTRA RABBIA, LA NO- 
STRA VOGLIA DI LOTTARE, DI SOVVERTIRE 
L'ESISTENTE. 

BERLUSCONI METTITELO IN MENTE: SULLE 
MACERIE NON COSTRUIRAI MAI NIENTE. 

10 100 1000 CENTRI SOCIALI AUTOGESTITI 
OCCUPARE E' GIUSTO E NECESSARIO 

C.S.O. CORTE DEL DIAVOLO 


7 File : GE92051 1.2 


ultime notizie - ultime notizie - no expo' - no 
expo'- 

per venerdì' 1 5: e' autorizzato un presidio richiesto 
dagli studenti dalie ore 15:00 in poi in PIAZZA 
SARZANO (centro storico), 
quindi chi vuole può' arrivare fin dal mattino 
all'università' e poi dalle 1 5,00 in poi presidio. 

per sabato 16: sono ancora in corso trattative per 
le autorizzazioni del corteo, con la questura e i pa- 
cifisti. L'appuntamento rimane per adesso h. 15,30 
piazza de terrari. 

per il concerto del sabato sera e' tutto autorizzato a 
parte il fatto che 2 gruppi su 4 hanno disdetto la 
loro presenza (banda bassotti e forse red house), 
quindi suoneranno UK47 E FILO DA TORCERE. 



A TUTTI i MUSICISTI: CI SARA' A DISPOSIZIONE 
UN PALCO E L'AMPLIFICAZIONE FINO ALLE 
23,30... FATE UN PO'.... 

per informazioni tei. 010/2470982 24oresu24. 

vi aspettiamo numerosi (sacchi a pelo per chi deve 
pure dormire) 

NO EXPO' - SI EXPLO' - NO EXPO' - SI EXPLO' 

- NO EXPO' 

ecn-ge. 


8 File : BO20511A.ZIP 


SALICETO, 36 E OLTRE. 

Mesi di campagna per gli SPAZI DI LI- 
BERTÀ', l'attivazione di diverse fasce sociali 
(immigrati, studenti, precari e altri), l'occupazione di 
un Centro Sociale da parte di oltre 150 persone, 
non sono bastate a legittimare l'occupazione come 
apertura di momenti e spazi di aggragazione per 
iniziative, concerti, feste, e per sperimentare 
(indivìdui e collettivi) un proprio tempo soggettivo. 

I processi per il reato di "occupazione 
abusiva" hanno registrato un primo "salto di qua- 
lità'" con il procedimento, del 29/11/'91, contro 60 
Imputati colpevoli dell'occupazione del C.S.A. Za- 
nardl. Il teorema giuridico presuppone l'inutilità' 
sociale dei Centri in quanto non risponderebbero a 
un bisogno primario, materiale, come quello di una 
casa occupata per scopi abitativi. Ora viene ope- 
rato un ulteriore inasprimento con l'imputazione di 
"associazione a delinquere" a carico degli occu- 
panti di case (con la forcaiola costituzione di Co- 
mune e lACP a parte civile). 

Con l'assioma dell'inutilità' dei Centri si e' 
spostato l'asse dell'illegalita' dal piano dei mero 
atto fisico "occupazione", alla qualificazione morale 
della sua "giustezza". Viene introdotto come og- 
getto del giudìzio il bisogno immateriale di socialità' 
e di espressione "altra" delia propria soggettività'. 
Sara' dunque un giudice a dirci se le nostre esi- 
genze immateriali rientrano nella sfera del socius 
contemporaneo, o sono esasperazioni libertarie di 
un comportamento non solo illegale, ma moral- 
mente sbagliato. 

La medicalizzazìone dei comportamenti 
attuata dagli specialisti (siano essi giudici, politici, 
medici o cialtroni) ha cosi' reso "naturale" 
l'intervento repressivo nel settore, spesso accet- 
tato come una conseguenza logica, normale, or- 
dinaria nelle aspettative degli stessi occupanti. 
Dopo lo sgombero poliziesco si continua con la 


controinformazione, la manifestazione tesa alla 
placida sensibilizzazione... e quindi: tutti pronti per 
una nuova occupazione, etc. 

Ma anche questo meccanismo si e' final- 
mente rotto. Il vecchio motore bifase 
''occupazione/sgombero" non e' piu' in grado di 
trainare un'esigenza diffusa, la tensione alla ricerca 
di nuovi "luoghi" di liberta', il motore non funziona, 
ma il serbatoio e' pieno, il carburante ormai tra- 
bocca, cade sull'asfalto. 

Abbiamo bisogno di un nuovo mezzo, piu' 
potente, costruito con materiali nuovi; un mezzo 
che sappia trasformare i luoghi inumani del territo- 
rio in posti per poterci vivere. La nuova macchina 
potrebbe trasformare l'acqua stagnante in forza 
vapore, ma occorrono tanti altri congegni e tanti 
altri soggetti che muovano le leve di comando, ali- 
mentino la caldaia, e provino l'ebbrezza di viag- 
giare, soprattutto. 

In altri termini, finche' l'esigenza di spazi di 
liberta' non diventerà' comportamento diffuso, in- 
terno ai percorsi dì una generazione, o di una va- 
sta rete di cooperazione sociale i cui i bisogni ma- 
teriali e immateriali siano inscindibili e interdipen- 
denti, ne' un' "avanguardia" ne' un circoscritto 
gruppo di pionieri - salvo congiunture favorevoli - 
potranno rompere la plumbea riorganizzazione 
dello spazio urbano introdotta dalla socialdemo- 
crazia bolognese. 

Ma, nella possìbile emergenza di un sog- 
getto collettivo, in quello stesso istante, il motore 
deve funzionare a pieni giri. 

Anche per questo la riflessione innescata 
dalla campagna per gli spazi di liberta' ha cercato 
un respiro piu' largo; spotandosi dal locale, ha vo- 
luto collegarsi con esperienze dì portata nazionale, 
con altri centri sociali, per tentare di capire e co- 
municare la nostra situazione cittadina, laboratorio 
di collaudo dì un modello anti-occupazione in via 
di perfezionamento, estensibile -con le opportune 
variazioni- ad altre citta'. 

In questa fase iniziale la discussione inte- 
ressa solo alcune tematiche, affrontando i problemi 
immediati vissuti dai CSO: questione delle aree 
dismesse, eroìna,ìndustria culturale, immigrazione; 
ma e' urgente focalizzare il programma di elimina- 
zione dei "luoghi" considerati potenziali focolai del 
dissenso: le cosiddette "sacche di resistenza", co- 
stante minaccia alla pacificazione sociale. Un pro- 
gramma che, almeno nelle intenzioni, vorrebbe 
garantire la trasformazione degli assetti politici, 
economici, militari, consolidando nuove forme di 
domìnio sociale. Il "successo" di questa operazione 
non significherebbe assenza dì traumi nella com- 
posizione di classe, ma semplicemente tali traumi 
non dovrebbero produrre momenti di rottura radi- 
cale degli equilibri di potere. 



La presenza dei CSO sul territorio acqui- 
sta, in questo quadro, una valenza strategica, in 
quanto si fa "luogo" -uno dei tanti- del dissenso, 
della radicalita' nel porsi e manifestarsi come 
esperienza autogestita e autoprodotta, fuori dai si- 
stemi di controllo. Riferimento altro, slegato, com- 
portamento diffuso che si può' moltiplicare, un fo- 
colaio, non piu' virtuale, di resistenza, da indivi- 
duare ed eliminare. 

...una scintilla può' incendiare la prateria? 
In quel caso (via Zamboni 36) i bisogni materiali, 
cioè' la necessita' fisica di sale di studio, e immate- 
riali, cioè' l'esigenza di un'autogestione del proprio 
tempo e luoghi, "coospiravano" in una moltitudine 
di soggetti studenteschi, dando vita a una straor- 
dinaria esperienza di rielaborazione fluida delle 
istanze di movimento. Un soggetto "giovane" 
(generalmente privo di "curriculum" militante) ha 
saputo difendenderla da chi voleva schicciarla, af- 
frontando spesso problemi spinosi, come quello - 
che da qualche settimana si sta discutendo - 
dell'eventuale costituzione di un'associazione 
proposta sottoforma di uitimatum 
dali'amministrazione universitaria. Un tentativo di 
scambio politico con una forma di rappresentanza 
rigida in evidente contraddizione con le dinamiche 
"movimentiste" interne al 36. 

Smascherata la truffa, emergono nella 
polifonia dei discorsi alcune legittime perpiessita', 
dettate dall'irrisolvibile contraddizione tra autoge- 
stione e utenza. 

Tolta l'esperienza del 36, il panorama bo- 
lognese e' sempre piu' grigio, nella totale man- 
canza di spazi autogestiti. Prossimamente saranno 
chiusi anche locali di altro genere: quelli dove co- 
munque il divertimento si paga a caro prezzo ( 
Kriptonight, Studios, Ketty do', Candilejas, Casa- 
Ione) e, dopo la pausa estiva soffocata ahimè' nei 
parchi lottizzati dalle cooperative di gestione cul- 
turale, ci attende una stagione di generale insod- 
disfazione dei bisogni immateriali, non piu' ricon- 
ducibili alla socialità' mediata degli enti pubblici e 
deil'industria culturale. 

A questo punto si giocherà' ia carta 
dell'occupazione come possibilità' di aggregazione 
e comunicazione tra le persone, momento fonda- 
tivo di autogestione della nostra esistenza, per 
nuovi spazi di liberta'. Ma e' fondamentale che co- 
minciamo a pensarci fin da ora, c'e' bisogno che 
questo si verifichi. 


9 File : BO20511B.ZIP 


APPUNTI PER EDITORIALE ECN 

"...Di particoiare rilievo e' un congresso interna- 
zionale tenuto a Venezia nel Giugno '91, con la 
partecipazione di duemila militanti, che segna il 
raggiungimento da parte delle organizzazioni anti- 
fasciste di un nuovo e piu' alto livello professionale. 
Una chiara indicazione di ciò' viene dalla forma- 
zione dell' "European Counter Network (ECN)“, un 
on-line network di computer che veicola informa- 
zioni di sinistra. 

... Comunque, il movimento militante di estrema 
sinistra è il più pericoloso - (rispetto a quello di 
destra, n.d.r.) - perche' sta sviluppando un più alto 
livello nell'organizzazione e una maggiore inteili- 
genza nell'elaborazione di piani e tattiche." (da 
"KRiMINALISTIK", rivista della polizia tedesca, 
marzo 1992). 

Le lusinghiere affermazioni dei servizi segreti 
tedeschi si aggiungono a quelle precedenti dei 
servizi italiani (Relazione informativa semestrale al 
Parlamento, ottobre '91); tuttavia, non costitui- 
scono la nostra unita' di misura. 

Il Nuovo Ordine Mondiale (dei media) produce 
l'assimilazione tendenziale dei metodi di propa- 
ganda e controllo di tutti i regimi del pianeta. E' qui 
la forbice tattico-discorsiva che crea i presupposti 
per le affermazioni sopra riportate: da una parte, 
i'enfatizzazione di una "struttura" come ECN funge 
immediatamente da preludio alla sua criminalizza- 
zione, prefigurando la minaccia di un "terrorismo 
hi-tech" da tenere fin da subito nel mirino; dall' al- 
tra, invece, denuncia una legittima preoccupazione 
di prospettiva nei confronti di un "organismo so- 
ciale" particolarmente economico e con potenzia- 
lità' virali di espansione. 

Chi si occupa della sicurezza del Governo-Si- 
stema d'informazione sa bene che proprio il suo 
espandersi all'intero pianeta lo rende piu' vulnera- 
bile. 

Non a caso abbiamo chiamato ECN una volta 
"struttura" e I' altra "organismo sociale". ECN e' 
entrambe le cose. 

Struttura nella fisicità' delle procedure di con- 
nessione; nella materialità' della sua Produzione- 
emissione che nasce dall'aggregarsi di uomini e 
mezzi, nell'economicità' potenziale del suo fun- 
zionamento complessivo (un solo individuo ed un 
qualsiasi mezzo di tele-comunicazione - computer 
fax telefono piccione viaggiatore, segnali di fumo ... 
- in ogni luogo sono piu' che sufficienti). 

Organismo sociale nel rapporto di cooperazione 
che istituisce: non semplice "strumento di distribu- 



zione" deile notizie, non semplice "descrizione 
delle lotte", ma lavoro in rete come momento fon- 
damentale del conflitto, senza logiche gerarchiche 
che stabiliscano la "notiziabilita"' dell'evento e la 
distinzione paraprofessionale tra chi "lotta", chi 
"emette" e chi "riceve". Rapporto di cooperazione 
che cresce nella dimensione della separatezza: 
separatezza rispetto all'informazione ufficiale, se- 
paratezza rispetto alla capacita' del potere di ope- 
rare una ricodificazione funzionale dei percorsi di 
critica e di conflitto, separatezza basata su un 
rapporto vigile e disincantato - ne' apocalittico ne' 
apologetico - con i processi avviati dalla Terza ri- 
voluzione Industriale. 

Il potere descrive i suoi nemici a se stesso prima 
che a tutti gli altri: nella società' dello spettacolo 
bisogna credere alle proprie menzogne, e il potere 
ha fatto di questo assioma il pilastro della propria 
sopravvivenza. "Kriminalistik" trasforma la nostra 
alterita' in "clandestinità"' preparando la diffusione 
massiva di un antico e sempre efficace stereotipo. 
Questo dimostra che, per il capitale, chiunque si 
ponga fuori dallo spettacolo e' a tutti gli effetti 
clandestino. 

Ma quello di ECN e' un segreto pubblico, il ca- 
rattere aperto della rete, la completa liberta' di ac- 
cesso a tutti i messaggi da parte di chiunque si 
colleghi e' per noi la composizione strategica di 
attacco e difesa. Non solo - nell'epoca del con- 
trollo informatizzato - una rete telematica clande- 
stina non e' pensabile ne' realizzabile, ma non e' 
neppure desiderabile politicamente: la miglior 
"difesa" e' il massimo di socializzazione e di attiva- 
zione diffusa dei soggetti. Ad un tempo, la forza di 
ECN e' la sua stessa proliferazione: sintomo e 
vettore della sua nocivita' per i sistemi di controllo 
sociale. 

QUESTO QUADERNO ECN esce dopo un pe- 
riodo di interruzione del precedente notiziario lo- 
cale, una "pausa di riflessione" obbligata, dati i 
ritmi ineluttabilmente discontinui di una struttura 
giovane. 

Nel frattempo la rete ha continuato a funzionare 
e a crescere, anche a livello internazionale. 

Quanto a noi, abbiamo mantenuto l'ora settima- 
nale autogestita col Centro di Comunicazione An- 
tagonista su Radio Citta' 103, e con strumenti di- 
versificati (dai volantini alle affissioni murali) ab- 
biamo garantito una circolazione minima delle no- 
tizie piu' importanti. E' invece proseguita regolar- 
mente l'immissione in rete di materiali da Bologna 
e dalla regione. 

Il notiziario quindicinale e' servito a mettere in 
moto la macchina, ma da un lato non era abba- 
stanza veloce, dall'altro era troppo ridotto per 
consentire un approfondimento oltre la notizia. 


Di qui la scelta di "sdoppiare" la comunicazione 
scritta: da una parte un foglio semplice che per- 
metta la rapida stampa e diffusione di comunica- 
zioni urgenti; dall'altra un fascicolo meglio struttu- 
rato, che iniziamo a sperimentare con questo 
quaderno. 

Ma la fase sperimentale di ECN non e' finita: "noi 
siamo spinti alla sperimentazione dagli stessi mo- 
tivi che spingono il mondo alla lotta"... 


10 File: BO20511C.ZIP 


POLIZIA CRIMINALE 

La notte del 20/04/1992 un nomade di 51 
anni, Otello Bonora, e' stato ucciso da due carabi- 
nieri perche' sopreso mentre cercava di rubare in 
un appartamento di Casalecchio (Bo). 

Ricostruiamo cronologicamente, attraverso 
alcuni articoli della stampa bolognese (Repubblica 
e Resto del Carlino), il "particolare" svolgimento 
della vicenda. 

21/04/1992: IL FATTO 

Lo hanno trovato steso a terra nel giardino, 
col cranio fracassato poggiato su un lastrone di 
granito. Un nomade di 51 anni, Otello Bonora, e' 
morto l'altra notte durante un furto sventato dai 
carabinieri, in un appartamento di Casalecchio. 
"Una morte accidentale", dicono i carabinieri, e 
l'ipotesi troverebbe conferma nel fatto che il me- 
dico legale, ad un primo esame effettuato l'altra 
sera, non avrebbe trovato fori di proiettile. Gli in- 
vestigatori della questura forniscono pero' una 
versione opposta. "Bonora potrebbe essere stato 
ucciso da un proiettile(...) 

Si alza la rabbia dei nomadi contro i cara- 
binieri(...) "Dicono che e' stata una digrazia, che e' 
caduto da un terrazzo, ma noi abbiamo chiesto alla 
gente, a chi ha sentito: gli hanno scaricato ad- 
dosso due pistole" accusa il cognato(...) "lo so che 
se n'e' andato dal campo al pomeriggio, doveva 
andare ad una festa di nomadi ad Idice, alle nove 
di sera non lo vedevo tornare e sono andata dai 
carabinieri di Panigaie per denunciare la scom- 
parsa" racconta la moglie Eugenia Tomasin(...) "Lo 
cercheremo" e' stata la risposta degli uomini della 
caserma. (Repubblica) 

La prima ricostruzione dei carabinieri sor- 
retta, pare, dal risulatato della visita del medico 
legale e dalla posizione del corpo, oltre l'angolo 
della casa e quindi praticamente fuori dalla visuale 
di tiro dei due militari, esclude di conseguenza la 
possibilità' di una lesione d'arma da fuoco e ipo- 



tizza, invece, quella di un malagurato baizo dal 
primo piano verso la siepe di recinzione, e di un 
impatto violentissimo della nuca contro il lastricato 
di cemento tra l'erba. Un fatto accidentale, quindi, 
e non il tragico esito di una serie di spari nel buio. 
"L'hanno ammazzato i carabinieri con due colpi: 
uno in testa l'altro alla schiena", piagnucolano in- 
tanto gli zingari. (...) (Resto del Carlino) 

22/04/1992: SILENZIO. 

23/04/1992: I DUBBI 

La stessa durata degli esami, oltre tre ore, 
e l'assoluta mancanza di indiscrezioni, pero', spo- 
stano ormai in secondo piano l'iniziale ipotesi di 
una morte provocata dall'impatto violentissimo 
della nuca contro i lastroni in cemento del giardino 
dopo un balzo dal balcone a tre metri dal terreno. 
Questa ricostruzione era stata valutata, da alcuni 
investigatori, attendibile al 70-80 per cento(...) 
(Resto del Carlino) 

24/04/1992: "UN PROIETILE L'HA FULMINATO" 

Non c'entra il volo dal balcone del primo 
piano e neppure l'impatto violento della nuca sul 
cemento del giardino. E' stato un colpo di pistola a 
fulminare il nomade Otello Bonora (...) 

In quegli oscuri passaggi, uno dei cinque colpi 
schizzati dalia bifilare calibro nove dei due militari 
effettivi, si e' probabilmente infilato, con un per- 
corso trasversale nella nuca del Bonora (...) E i 
carabinieri? La probabile consegna del silenzio s'e' 
trasformata in una compatta scomparsa (...) 

"L'avevamo detto subito dopo la morte di 
Otello", replica la vedova," e adesso lo confer- 
miamo: quella sera avrebbero potuto sparare in 
aria o colpirlo ad una gamba. E invece e' stato uc- 
ciso (...) (Resto del Carlino). 

(...) "Vogliamo solo che la legge, i magi- 
strati scoprano se qualcuno ha sbagliato per la 
morte di mio marito. No, non accetteremo che tutto 
venga dimenticato solo perche' era un poveraccio, 
uno zingaro, la sua uccisione non dev'essere trat- 
tata come quella di un cane (...) Mio marito non era 
un criminale e non andava in giro con la pistola. 
(Repubblica) 

"Un incidente", mormora un brigadiere 
sulla porta della caserma (...) "Questi giovani si 
sentono tutti Rambo, hanno una fifa maledetta e 
premono il grilletto in preda al panico" osserva un 
maresciallo (...) "L'esito dell'autopsia non prova 
nulla - ribatte a distanza un carabiniere in bor- 
ghese -. Chi l'ha detto che a sparare e' stata una 
nostra pistola?" (...) (Resto del Carlino) 


25/04/1992: OMICIDIO VOLONTARIO 

Ipotesi di reato estrema per i due carabi- 
nieri che la notte di Pasqua hanno sparato contro i 
ladri in fuga e hanno lasciato sul terreno Otello 
Bonora (...) L'inchiesta della magistratura parte 
semplicente da un dato di fatto: la notte di Pasqua 
e' stata uccisa una persona (...) Per ora lo scenario 
e' che i due militari, arrivati in via Magellano, 
avrebbero sparato per colpire e non ci sarebbero 
state condizioni tali per giustificare l'uso delle armi. 
Ciò' si deduce dal fatto che il comportamento dei 
due carabinieri non e' stato fatto rientrare nei casi 
previsti di uso legittimo delle armi, come la neces- 
sita' di respingere una violenza o una resistenza. 
(Repubblica) 

Nell'ambiente c'e' grande imbarazzo. An- 
che se l'Arma , fin dal primo momento, ha fornito 
all'esterno notizie sincere. Francesco Russo, co- 
mandante del gruppo carabinieri, ha tenuto a pre- 
cisare che nelle ore successive al fatto tutti ave- 
vano suffragato l'ipotesi della morte del nomade 
per caduta accidentale perche' queste erano state 
le prime risultanze medico-legali. (Resto del Car- 
lino) 


11 File : MI20513A.TXT 


Milano, 13 maggio 1992 

Redaz. ECN 

Nella tarda serata di ieri, martedi' 1 2/05/92, presso 
il C.S.O. CONCHETTA, mentre era in corso 
l'assemblea degli occupanti, 4 naziskins si intro- 
ducevano nel cortile d'ingresso del Centro Sociale 
e tentavano di sabotare le moto dei compagni. 
L'improvvisa comparsa di un compagno che stava 
uscendo li costringeva aila fuga prima di riuscire a 
portare a termine l'attentato. Allontanandosi, gli 
skins incontravano e aggredivano, malmenandoli, 
3 compagni del Laboratorio Anarchico di via De 
Amicis, distrutto la scorsa settimana da un atten- 
tato nazista. 

Inseguiti dai compagni, i nazi si davano alla fuga 
con una macchina che li attendeva a motore ac- 
ceso a poca distanza dal Centro Sociale. 

Una sola constatazione: E' GUERRA!!! 

Ecn Milano 



12 File : RIVI 992.ZIP 


LE VERITÀ' NOMADI 

ECN 

bozza di discussione sui percorsi storici deiia teoria 
dello stato e dell'organizzazione nell'ottica rivolu- 
zionaria". 

Il problema storico al quale i rivoluzionari hanno 
sempre tentato di rispondere, è che tipo di potere 
si vuole sostituire a quello borghese una volta che 
si riesca ad abbattere il potere borghese stesso. 
Non sembri questo un problema sulla qualità "della 
lana caprina" perchè pare ovvio, al contrario, che 
solo la chiara definizione degli obiettivi che ci po- 
niamo può chiarirci quali sono le migliori articola- 
zioni tattiche per raggiungerli. 

"... innanzi tutto il proletariato, secondo Marx, 
ha unicamente bisogno di uno stato in via di estin- 
zione, costituito cioè in modo tale che cominci su- 
bito ad estinguersi, e non possa non estinguersi". 
Colui che citava Marx in tal modo era niente meno 
che Lenin in "Stato e Rivoluzione". L'enunciato ci 
pare incredibilmente attuale e pone subito al centro 
della riflessione tutte le più importanti tematiche dei 
nostri tempi: 

è possibile superare ed estinguere il 
"parlamentarismo borghese" con una forma supe- 
riore di partecipazione popolare? 

- ha senso ipotizzare la gestione di una società 
complessa come quella attuale senza ricorrere a 
delle pratiche di centralizzazione burocratica? 

- se tutto ciò è possibile, che tipo di organizza- 
zione rivoluzionaria è necessario costruire per 
raggiungere lo scopo? 

E' intuitivo comprendere che le problematiche 
sollevate sono enormi, ma non è impossibile ten- 
tare di dare delle risposte relativamente semplici e 
comprensibili a questi quesiti, 

Utilizzermo il già citato testo di Lenin per verifi- 
care come ponevano la questione i rivoluzionari di 
inizio secolo, poiché questo ci permetterà di valu- 
tare la somiglianza delle domande che in ogni 
epoca si sono posti i rivoluzionari e la differenza 
nelle risposte possibili determinate dalla differente 
congiuntura storica nella quale essi si sono trovati 
ad operare. 

"L'abbattimento della borghesia non è realizza- 
bile se non attraverso la trasformazione del prole- 
tariato in classe dominante, capace di reprimere la 
resistenza inevitabile, disperata della borghesia, di 
organizzare per un nuovo regime economico tutte 
le masse lavoratrici e sfruttate." 


Tutto ciò è perfettamente sensato ancor oggi, 
anche se bisogna intendere in modo nuovo il tipo 
di alleanza che il proletariato deve stabilire con 
"tutte le masse lavoratrici e sfruttate" 

La differenza tra la teoria di inizio secolo e 
quella attuale, si spiega con la differenza profonda 
tra il proletariato attuale e quello di inizio secolo. 

Il "vecchio" proletariato era composto da ster- 
minate masse di analfabeti che non potevano es- 
sere riciclate di punto in bianco. La cultura appar- 
teneva storicamente alle classi agiate ed il proleta- 
riato, abbrutito nelle fabbriche padronali, ha dovuto 
strappare coi denti ogni briciola della sua emanci- 
pazione. 

Se non è ancora esistito il comuniSmo è perchè 
oggettivamente le strutture tecnologiche non erano 
sufficientemente avanzate e perchè lo stesso pro- 
letariato non era soggettivamente in grado di ge- 
stire una società più evoluta. Ecco quindi che le 
teorie sulla avanguardia del proletariato e sul pro- 
letariato come avanguardia di massa vengono 
pienamente comprese solo se calate nel contesto 
storico che le ha prodotte. E' assurdo "sputare" sui 
Leninismo, cosi come è assurdo continuare a 
presentarlo come "l'unica sacrosanta verità", 
"l'unica vera via per poter giungere alla vera rivo- 
luzione". Proprio coloro che a buon diritto pos- 
siamo chiamare maestri, senza per questo bisogno 
di inchinarci, ci insegnavano che la realtà è in con- 
tinuo mutamento e che un rivoluzionario è uno 
scienziato sociale, non un predicatore di vuote ve- 
rità! 

Domanda:"ma quali sono questi cambiamenti 
oggettivi e soggettivi che rendono più attuali le 
possibilità di costruzione del comuniSmo?" 

Risponderemo innanzitutto sui secondi, in un 
secondo tempo sui primi. 

I mutamenti di carattere soggettivo sono sotto 
gli occhi di tutti: un fenomeno come la scolarizza- 
zione di massa è passato quasi inosservato 
all'analisi dei moderni rivoluzionari. Essa è stata il 
prodotto di dure lotte del proletariato. Dovremmo 
irridere molto meno il desiderio dei "nostri vecchi" 
genitori proletari che sognavano il figlio laureato 
come fosse una strada per la emancipazione dalla 
schiavitù in chiave individuale. Infatti se analiz- 
ziamo la sommatoria di tutti questi sforzi soggettivi, 
ci renderemo presto conto che siamo di fronte ad 
un pianeta trasformato, stiamo vivendo l'epoca 
storica che più di ogni altra vede presenti sul suolo 
del pianeta milioni di esseri umani non solo alfabe- 
tizzati, ma in possesso di cognizioni complesse, 
che il sistema capitalista di produzione non può più 
utilizzare in modo adeguato, E questa massa di 
individui capaci è non solo oggettivamente coin- 
volgibile nel processo rivoluzionario, ma è sempre 
più spesso soggettivamente coinvolta nella con- 
traddizione di classe. Basta chiedersi quanti diplo- 



mati e laureati siano oggi presenti nelle fabbriche 
dei padroni per rendersi conto di come sia ecla- 
tante la sottoutilizzazione degli esseri umani. 

Infatti i laureati africani o provenienti dall'Est, 
non sono quasi mai impiegati ad un livelio ade- 
guato nei paesi in cui emigrano e quasi mai pos- 
sono trovare una collocazione adeguata nel paese 
di provenienza. Per non parlare poi della extra- 
produzione di materile intellettuale nelle nostre 
stesse scuole. E' in questo contesto che va oggi 
valutato l'attacco al diritto alio studio a cui stiamo 
assistendo nel nostro paese. Sarebbe criminale 
pensare, come fanno certi "marxisti scolastici" che 
le lotte degli studenti sono lotte "piccolo borghesi" 
0 con dignità inferiore a quelle di altre categorie 
sociali. 

Non è un caso che il pensiero rivoluzionario 
dagli anni settanta in poi sia approdato a nuove 
modalità di analisi dei soggetti rivoluzionari, che 
tengono conto dei profondi mutamenti intervenuti 
proprio a causa della lotta di classe internazionale. 

Mettiamo brevemente a confronto le differenti 
analisi che la lettura del tessuto sociale rimanda 
agli occhi di Lenin confrontati in seguito con le 
analisi posteriori di Negri (citazioni tratte da Stato e 
Rivoluzione per Lenin e da Le Verità Nomadi per 
Negri)-. 

Lenin - In Marx non v'è alcun briciolo di utopismo; 
egli non inventa, non immagina una società 
"nuova". No, egli studia, come un processo di sto- 
ria naturale, la genesi della nuova società che esce 
dall'antica, le forme di transizione tra l'una e l'altra. 
Egli si basa sui fatti, sull'esperienza del movimento 
proletario di massa e cerca di trarne gli insegna- 
menti pratici. Egli "si mette alla scuola" della Co- 
mune (di Parigi del 1848, n.d.r.), come tutti i grandi 
pensatori rivoluzionari non esitavano di mettersi 
alla scuola dei grandi movimenti della classe op- 
pressa, senza mai far loro pedantemente la 
"morale" (come faceva Plekhanov dicendo: " Non 
bisogna prendere le armi", o Zereteli: "Una classe 
deve da se stessa sapersi limitare"). 

Non sarebbe possibile distruggere di punto in 
bianco, dappertutto, completamente, la burocrazia. 
Sarebbe utopia. 

Ma spezzare subito la vecchia macchina ammini- 
strativa per cominciare immediatamente a co- 
struirne una nuova che permetta la graduale sop- 
pressione di ogni burocrazia, non è utopia, è 
l'esperienza della Comune, è il compito primordiale 
e immediato del proletariato rivoluzionario. 

No, noi vogliamo la rivoluzione socialista con gli 
uomini quali sono oggi, e che non potranno fare a 
meno nè di subordinazione, nè di controllo, nè di 
"sorveglianti, nè di contabili". 

Questa era la valutazione di Lenin all'epoca sua. 
Passiamo a Negri ed all'epoca nostra: 


Negri - In queste condizioni, l'organizzazione 
delle nuove concatenazioni proletarie non potrebbe 
riferirsi che ad una pluralità di rapporti dentro una 
molteplicità di singolarità-pluralità focalizzata su 
funzioni e obiettivi collettivi che sfuggono ai 
controlli e alle sovracodificazioni burocratiche, nella 
misura in cui si sviluppa precisamente nel senso di 
una ottimizzazione dei processi di singolarità 
implicati. Ciò che è in questione qui, è un 
multicentrismo funzionale capace, da una parte, di 
articolarsi sulle dimensioni diverse dell'intelligenza 
sociale e, dall'altra, di neutralizzare attivamente la 
potenza distruttrice delle concatenazioni 
capitalistiche. Questa è la prima caratterizzazione 
positiva della nuova soggettività rivoluzionaria. Le 
sue dimensioni cooperative, plurali, anticentraiiste, 
anticorporativiste, antirazziste, antisessiste, 
esaltano la capacità produttiva delle singolarità. 
Solo in questo modo, e unicamente nel registro di 
queste qualificazioni, le lotte proletarie potranno 
ricostruire fronti di lotta coerenti ed efficaci. Questi 
processi organizzativi devono essere concepiti 
essenzialmente come dinamici: ogni singolarità vi è 
rilanciata attraverso obiettivi non soltanto locali, ma 
sempre più allargati fino alla definizione di punti di 
incontro transettoriali, nazionali e internazionali. 

Le due immagini immediate alle quali riman- 
dano le due concezioni teoriche che si intuiscono 
in questi due brevi estratti, non sono antitetiche, 
bensì differenti. 

La prima mostra il proletariato come un forte 
bue che è intralciato nel suo cammino, malgrado la 
sua forza poderosa, da un pesante fardello rap- 
presentato dalle classi piccolo borghesi (i conta- 
dini, ad esempio) e dai sottoproletariato ed in parte 
ostacolato dalla sua stessa ignoranza. 

La seconda mostra il proletariato come una 
classe dinamica, che per vincere il suo nemico 
storico, cioè la borghesia, deve coordinare i suoi 
interessi con altre categorie o gruppi sociali i quali, 
effettivamente, possono raggiungere gli scopi che 
si prefiggono solo alleandosi con il proletariato, 
orientandosi in tal modo verso la creazione di una 
civiltà oggettivamente superiore a quella odierna. 

Da tali esposizioni emerge con chiarezza la 
differenza delle due ambientazioni storiche: la 
prima in una società ancora molto statica, la se- 
conda in una società in continua rapidissima evo- 
luzione. 

Ed è qui che si può iniziare a parlare dei nuovi 
mutamenti oggettivi che l'evoluzione storica e 
tecnologica sta costruendo sul pianeta. 

E' venuto il momento di parlare della rivoluzione 
informatica e del declino storico delle grandi buro- 
crazie. 

Infatti la teoria movimentista della rivoluzione è 
sì una grande intuizione storica che però, al mo- 
mento della dua nascita, precorre ed anticipa i 



tempi. Alla fine degli anni settanta, le burocrazie 
avevano già dato prova di tutto il loro grigiore e di 
tutta il conservatorismo di cui erano portatrici. Si 
badi che qui si parla di burocrazie indipendente- 
mente dal fatto che esse fossero di matrice operaia 
(sindacati, stati dell'Est, ecc.) o di matrice capitali- 
sta (eserciti, burocrazie amministrative, polizie, 
ecc.). Purtuttavia non erano ancora in atto quelle 
modificazioni strutturali della gestione sociale e 
della gestione produttiva che potevano supportare 
scientificamente la contestazione rivoluzionaria 
delle burocrazie stesse. 

Oggi, invece, siamo di fronte ad un nuovo pe- 
riodo storico, nel quale è la stessa dinamica capi- 
taiista che comporta il declino burocratico. 

Per dimostrare questo assunto riporteremo 
brevemente alcuni stralci di un articolo tratto dalla 
rivista "LE SCIENZE" n°279 e dedicato alle 
"comunicazioni, calcolatori e reti": 

(pag. 82) « Circa 150 anni fa, in Europa e negii 
Stati Uniti l'economia iniziò a subire una trasfor- 
mawione più profonda di qualsiasi altra verificatasi 
dai Medioevo in poi: la Rivoluzione industriale. 
Oggi le economie industriali si trovano nelle prime 
fasi di un'altra trasformazione che finirà forse per 
assumere un ruolo altrettanto significativo. 

C'è però una differenza fondamentale; la rivo- 
luzione del secolo scorso era guidata da trasfor- 
mazioni nell'economia della produzione e dei tra- 
sporti, mentre a spingere quella che si avvia oggi 
non saranno mutamendi produzione, ma di coor- 
dinamento. Ogni volta che più persone collaborano 
nasce la necessità di comunicare, decidere, as- 
segnare risorse e far giungere i prodotti e i servizi 
giusti nel luogo e al momento giusti. Dirigenti, im- 
piegati, negozianti e acquirenti, mediatori e conta- 
bili, quasi tutti coloro che lavorano, in realtà, de- 
vono svolgere attività di coordinamento. 

E' proprio in queste attività a forte contenuto 
informativo che le tecnologie informatiche trovano 
alcuni tra i loro impieghi più importanti e produr- 
ranno gii effetti più profondi. Riducendo drastica- 
mente i costi di coordinamento e migliorandone 
rapidità e qualità queste nuove tecnologie permet- 
teranno di svolgere attività di coordinamento molto 
più ampie ed efficaci e di formare quindi nuove 
strutture operative ad alta intensità coordinativa. 

Un effetto primario della riduzione dei costi di 
coordinamento è la sostituzione del coordinamento 
umano con la tecnologia informatica (= - burocra- 
zia + tecnologia, n.d.r.): i sistemi di elaborazione 
dati hanno contribuito, per esempio, ad allontanare 
migliaia di impiegati da uffici di assicurazione e 
banche e a sostituire gli addetti allo smistamento e 
all'inoltro nelle fabbriche. Oggi i calcolatori garan- 
tiscono il controllo di priorità dei compiti, indican- 
done i più critici su ogni stazione di lavoro. Più in 


generale, la vecchia previsione secondo la quale i 
calcolatori avrebbero portato alla scomparsa dei 
ruoli direttivi Intermedi sembra sul punto di avve- 
rarsi: negli anni ottanta molte società hanno ap- 
piattito la propria gerarchia dirigenziale eliminando 
alcuni livelli intermedi.» 

Ma, si potrebbe obiettare, tutto questo cosa 
comporta per noi rivoluzionari? 

A nostro parere, questo comporta semplice- 
mente l'inverarsi delia possibilità di creare strutture 
di coordinamento non di carattere partitico fun- 
zionali alla rivoluzione proletaria. 

Significa cioè poter connettere prima decine, 
poi centinaia, poi probabilmente centinaia di mi- 
gliaia di cervelli umani che tramite il supporto in- 
formatico potranno creare la più orizzontale delle 
organizzazioni e la più internazionale che mai sia 
stata conosciuta dal proletariato. 

A questo scopo è necessario riflettere su come 
costruire militanti rivoluzionari per il 2000. 

I militanti che costruiranno la rivoluzione prole- 
taria del futuro saranno individui totalmente diffe- 
renti da quelli creati dal modello bolscevico. 

I militanti bolscevichi erano abituati a concepire 
la lotta come una dura battaglia nella quale la co- 
esione del partito, la "disciplina di partito" tendeva 
a farli somigliare ad un intelligente battaglione di 
soldati. 

I moderni rivoluzionari tenderanno più ad appa- 
rire come donne e uomini evoiuti che, coscienti 
deH'importanza della lotta alla quale si accingono, 
tenderanno a coordinarsi per contribuire attiva- 
mente alla costruzione della società che negherà 
la barbarie capitalista. 

Ma torniamo alle domande iniziali: 

- è possibile farla finita col parlamentarismo bor- 
ghese? 

- è possibile coordinare una società complessa 
senza burocrazia? 

- come sarà l'organizzazione rivoluzionaria che 
permetterà la realizzazione di tutto ciò? 

Riteniamo di aver già contribuito alla risoluzione 
in positivo della seconda domanda, ma vogliamo 
dare ulteriori elementi a dimostrazione di tale pos- 
sibilità. 

Per farlo ricorriamo ancora alla già citata rivista 
"LE SCIENZE": (pag. 84) «Le nuove strutture ad 
alta intensità di coordinamento non si limitano a 
collegare persone di una stessa società; molte 
prevedono anzi legami tra società diverse. 
L'industria tessile statunitense, per esempio, ha 
cominciato ad allestire una serie di collegamenti 
informatici tra società nei quadro del programma 
Quick Responso (risposta rapida). Come è stato 
descritto da Janice H. Hammond della Harvard 
Business School 

e da altri questi collegamenti investono società 
lungo tutta la catena di produzione, dai fornitori di 



fibre (lana, cotone e simili) agli stabilimenti di tes- 
situra, a quelli di cucitura, fino ai punti di vendita. 

Una volta completate, queste reti aiuteranno le 
società a rispondere con prontezza alla domanda. 
Al momento della vendita di un maglione a New 
York, per esempio, la registrazione dell'etichetta 
tramite un lettore di codici a barre potrebbe attivare 
automaticamente le funzioni di ordinazione, con- 
segna e produzione lungo tutta la catena fino al 
magazzino di lane situato nel South Carolina.» 

Se tutto ciò è, da un punto di vista borghese, un 
modo per risparmiare danaro, dal punto di vista 
proletario potrebbe essere la base di informazione 
necessaria per la disalienazione del lavoro. Infatti 
praticamente ogni lavoratore potrebbe essere in 
grado di conoscere la destinazione del suo lavoro, 
potrebbe valutarne l'utilità sociale e potrebbe de- 
cidere se produrre o meno il rimpiazzo necessario, 
stabilendo assieme ai colleghi le modalità ed i 
tempi a seconda della valutazione dell'urgenza del 
rimpiazzo stesso. 

E non si credano le assurde fandonie borghesi 
secondo le quali la gestione proletaria della società 
non permetterebbe il progresso delle forze produt- 
tive; al contrario, ogni innovazione tecnologica che 
comportasse la riduzione del lavoro necessario 
sarebbe molto ben accetta in una società gestita 
dal proletariato e renderebbe la tecnologia un 
"prodotto degli esseri umani per gli esseri umani 
stessi" anziché quella fonte di alienazione prodotta 
in modo alienato (vedi Scudo Stellare Statunitense 
SDÌ) che è nella attuale società. 

E' direttamente alla gestione proletaria della 
produzione che dobbiamo puntare. 

Ciò significa che ogni qual volta che un padrone 
"butta via" o chiude un'intero stabilimento, noi 
dobbiamo porci la domanda se siamo in grado di 
porre in campo direttamente la alternativa della 
gestione proletaria della fabbrica stessa, doman- 
darci se e quando e come potremo costruire un 
modello di circolazione di merci antagonista a 
quello borghese, se e quando e come dovrà es- 
sere vasta l'influenza dei rivoluzionari per poter 
strutturare un sistema produttivo proletario in una 
zona del pianeta sufficientemente vasta da per- 
metterci di abbattere definitivamente la borghesia. 

Quando saremo in grado di porre l'alternativa 
delia gestione proletaria di un'intero stabilimento, 
allora sarà chiaro al proletariato il ruolo dello stato 
che ci attaccherà violentemente per ricomporre 
l'ordine borghese minacciato, ma a quel punto noi 
rivoluzionari potremo godere della solidarietà e 
delia forza che il proletariato sa esprimere quando 
vengono attaccati i suoi interessi. 

Difficile è prevedere quanto durerà l'inferno di 
fuoco e fiamme che la borghesia metterà in campo 
per prolungare la sua agonia. Altrettanto difficile 
predeterminare il corso stesso delle future rivolu- 


zioni: avranno ancora degli scoppi di carattere na- 
zionale 0 , più probabilmente, attraverseranno tra- 
sversalmente lenazioni stesse? O ancora: ha 
senso parlare in termini nazionali riguardo la realtà 
che ci circonda? 

In un contesto di scontro rivoluzionario non è 
detto che debbano scomparire immediatamente 
dall'oggi al domani le strutture statali ed in partico- 
lare quelle parlamentari. Ancora un passo di Lenin 

- questo ragionamento di Engels non ha 

lasciato nei partiti socialisti di oggi altra vera ac- 
quisizione di pensiero socialista che la formula di 
Marx secondo cui lo Stato "si estingue", in con- 
trapposizione alla dottrina anarchica 
deirabolizione dello Stato". Amputare in tal modo 
il marxismo vuol dire ridurlo all'opportunismo, poi- 
ché, dopo tale "interpretazione" non rimane che il 
concetto vago di un cambiamento lento, uguale, 
graduale, senza sussulti nè tempeste, senza rivo- 
luzioni. - 

Certo è che a causa dei fenomeni sopra ripor- 
tati, tenderemo a vedere degli stati sempre più os- 
sificati, meno presenti nella gestione dell'economia 
e sempre più identificantisi nella loro mera funzione 
repressiva. Nonostante ciò manterranno sempre 
una certa flessibilità e la popolarità del parlamen- 
tarismo non scomparirà da un giorno all'altro. Ma in 
periodo rivoluzionario o pre-rivoluzionario le 
masse tendono sempre a radicalizzarsi e potremo 
assistere a parlamenti pieni di organizzazioni rivo- 
luzionarie di modulo leninista più o meno scolastico 
che probabilmente diventeranno i conservatori di 
domani. Ma nell'oggi sarebbe sbagliato identificarli 
come dei nemici tout-court della rivoluzione: essi 
saranno probabilmente funzionali a sradicare nel 
proletariato gli ultimi resìdui dì illusione parlamen- 
tarista, prima di giungere ad un modello di gestione 
sociale che renderà oggettivamente superfluo e 
soggettivamente inutile il parlamentarismo stesso. 

Rimane solo inevasa la risposta all'ultima do- 
manda: che tipo di organizzazione rivoluzionaria è 
necessaria? 

Non occorre andare molto lontano per trovare 
una risposta. 

Siamo convinti che il movimento che si ricono- 
sce nell'Autonomia Operaia abbia le risorse sog- 
gettive e stia intraprendendo dei percorsi che og- 
gettivamente lo possono portare all'altezza dei 
prossimi scontri. Questo non è ancora "in atto", ma 
sicuramente è "in potenza". 

Non vorremmo essere scambiati per dei visio- 
nari che non si rendono conto del difficile momento 
che il movimento sta attraversando, per cui tente- 
remo dì dare una spiegazione convincente di tanto 
ottimismo. 

Poc'anzi abbiamo parlato delle caratteristiche 
dei rivoluzionari del 2000 che si possono sintetiz- 
zare nella indipendenza del giudizio, nella capacità 



di interpretare e gestire le informazioni in chiave 
rivoluzionaria, cioè di mettere ai lavoro il metodo 
marxista, nella capacità di propagandare le idee 
rivoluzionarie in modo nuovo. Queste caratteristi- 
che appartengono soggettivamente a molti dei no- 
stri militanti. Ciò che ancora non utilizziamo nel 
modo dovuto, sono le potenzialità dell'ECN, che ci 
consentirebbero di avere un'organizzazione 
che,pur essendo composita e multiforme, potrebbe 
avvalersi del supporto informatico per connettere le 
diverse soggettività, in modo da dotare i diversi 
segmenti del movimento di un vero e proprio 
"cervello collettivo". 

L'utilità dell'utilizzo di un giornale telematico che 
non sia un banale elenco di notizie, ma anche un 
veicolo di confronto e di dibattito, può fornire ad 
ogni propaggine del movimento la possibilità di 
pubblicare un "giornale ad hoc" in ogni situazione 
di intervento. Questo significa che non sempre è 
possibile dibattere in ogni luogo ed in ogni tempo 
degli stessi argomenti e che quindi ogni militante 
dovrebbe potersi dotare dello strumento più idoneo 
per la sua particolare situazione di intervento. Non 
solo: il concetto di "propaganda" politica stessa va 
a cambiare profondamente. Da questo punto di vi- 
sta spesso sottovalutiamo o non curiamo affatto 
questo aspetto. Fare propaganda politica ai giorni 
nostri non significa più andare a portare un qual- 
siasi giornale rivoluzionario come se fosse il con- 
tenitore di qualche "nuova", messianica verità. Si- 
gnifica studiare degli strumenti di intervento in ogni 
specifica situazione e, quindi, significa sottolineare 
che gli strumenti di propaganda che sono utili e 
validi per l'intervento politico all'interno di una ma- 
nifestazione, non sono necessariamente altrettanto 
efficaci per l'intervento in una fabbrica. Qppure 
rendersi conto che un metodo propagandistico che 
si è rivelato efficace in una certa situazione ed in 
un ambiente determinato, nello stesso ambiente 
ma in una situazione mutata, possono non essere 
più efficaci. 

AH'interno di una fabbrica, ad esempio, una pe- 
tizione può essere efficacissima per uno scopo in- 
terno (ad esempio per ottenere l'allestimento di 
un'infermeria), oppure per uno scopo più generale 
(ad esempio una contestazione della scala mobile 
0 contro l'invio di militari nella Guerra del Golfo); 
può cioè essere utilizzata sia per il raggiungimento 
di un fine prettamente sindacale, sia per scopi 
prettamente propagandistici. Ma il suo successo in 
qualche iniziativa, non può farne un criterio di 
azione politica permanente. Lo stesso vale per gli 
opuscoli, i volantini, i cartelloni, ecc. 

Ma il fine stesso della nostra propaganda deve 
essere differente rispetto a quello delle organizza- 
zioni classiche. A noi non interessa costruire dei 
seguaci ma dei compagni di strada che coordinino 
la loro azione polica con la nostra in base alle loro 


aspettative nei confronti della società, non che 
agiscano in base alle nostre aspettative. Dobbiamo 
stimolare il desiderio di protagonismo insito in ogni 
essere umano, apprezzando positivamente il de- 
siderio di autoaffermazione soggettiva. Ci muo- 
viamo per una società di attori sociali, non di 
comparse. La consapevolezza che la strada mae- 
stra per l'emancipazione individuale è 
l'emancipazione collettiva, fà sì che possiamo ve- 
dere nell'altro non un nostro limite, ma 
un'espansione delle nostre possibilità. E per chi si 
muove all'interno di un movimento questo è ogget- 
tivamente vero, perchè non avendo deleghe da 
gestire o poltrone da spartire, lega necessaria- 
mente il successo delle proprie idee e delle proprie 
aspirazioni al successo del movimento in generale 
e dei suoi partecipanti in particolare. 


13 File : INTPELT.TXT 


C.A.: H governo degli Stati Uniti ti tratta come un 
uomo molto pericoloso. Che cosa rappresenti per 
loro da meritare un tale trattamento? 

L.P.: Bene, due dei loro agenti sono stati uccisi in 
uno scontro a fuoco nel 1975 alla riserva di Ogiala 
Pine Ridge e poiché ritenevano che io fossi il lea- 
der e il responsabile, sono diventato una minaccia 
e un pericolo per loro. 

C.A.: Pensi che tu o le aspirazioni e gli obiettivi del 
tuo movimento minacciano in qualche misura il 
governo degli Stati Uniti? 

L.P.: lo penso che in un certo senso si, perchè noi 
stiamo cercando di far si che il governo tenga fede 
ai trattati, se non avessero mai onorato i trattati 
sarebbe un sacco di denaro milioni e miliardi di 
dollari implicati nell'intera cosa, inoltre c'è il fatto 
che noi vorremmo dichiarare noi stessi una na- 
zione sovrana che, nonostante non sìa stato ripor- 
tato da nessun mass-media, dieci tribù recente- 
mente si sono dichiarate indipendenti negli ultimi 
sei mesi, per cui loro perderebbero un sacco di 
denaro, di minerali, di territori, ed è il denaro dietro 
a questo che può spiegare molte ragioni per cui gli 
indiani sono diventati un obiettivo simile. 

C.A.: Il senatore degli Stati Uniti vincitore di premi 
nobel e anche l'arcivescovo di Canterbury hanno 
contestato le prove a tuo carico per le quali tu sei 
stato giudicato e condannato. Recentemente un 
uomo identificatosi solo con un X è ha parlato delle 
prove della tua innocenza con alcuni giornalisti, ma 
non alla polizia. Pensi che ci sarà qualche diffe- 
renza se un giorno X verrà fuori a testimoniare? 



L.P.: No, penso di no perchè così è il sistema fun- 
ziona, a loro andrebbe anche bene di imprigionare 
più di una persona, per cui se lui diventasse pub- 
blico loro avrebbero semplicemente una persona in 
più imprigionata, ma le possibilità di un mio rilascio 
per le sue testimonianze sono molto, molto piccole, 
per cui se lui non ha intenzione di farsi conoscere, 
ne lui lo deve fare, ne io voglio che lui lo faccia. 

C.A.: L'F.B.I. ha giocato un ruolo maggiore nei 
condurre il caso contro di te, potresti parlaci ri- 
guardo alle tattiche e le motivazioni nei perseguire 
questo caso così ostinatamente? 

LP.: Bene, le loro tattiche investigative sono 
sempre molto aggressive, loro terrorizzano i testi- 
moni, li hanno truccati, in pratica hanno gettato i 
libri di diritto e delle leggi fuori dalla finestra. Per 
investigare su questo caso, quando non hanno 
potuto trovare qualcuno che potesse testimoniare 
per loro per sostenere i loro trucchi, allora hanno 
iniziato ad usare pratiche da Gestapo e sono ve- 
nuti a terrorizzare la gente. Prima dell'incidente del 
26 giugno loro hanno armato le squadre speciali 
con armi sofisticate e sono venuti nell'area della 
dumping Bull ranch, nel luogo dove la gente viveva 
e hanno proprio pianificato di assaltare i posti. 

C.A.: Una delle tattiche che l'FBI ha usato e' stata 
l'infiltrazione all'interno del movimento indiano . ... 
L.P.: Questo e' un punto che va' chiarito, abbiamo 
avuto senz'altro qualche infiltrazione, ma non in 
maniera simile a quanto avvenuto in passato nel 
movimento nero per i diritti civili. Si', abbiamo avuto 
alcuni casi, ma non nella quantità' che altri movi- 
menti hanno avuto. Prima di tutto perche' la nostra 
popolazione e' molto piccola, la maggior parte della 
gente indiana si conosce, le nostre riserve sono 
molto ristrette, per cui e' molto difficile per loro, in 
ogni caso, infiltrare un indiano contro di noi. 

C.A.: Sembra ci siano molti esempi di casi in cui 
l'FBI ha costruito, fabbricato prove contro di te. Ad 
esempio l'agente speciale dell'FBI Evan Hodge ed 
altri hanno detto falsità' proprio loro ne! tuo pro- 
cesso? 

LP.: Si, la corte d'appello dell'ottavo distretto nel 
1985 ha praticamente detto questo, che e' stato 
detto il falso dai testimoni del governo, e, sebbene 
loro non abbiano nominato Hodge, era proprio a lui 
che si riferivano. 

Ma ci sono anche frammenti e pezzi di un'intera 
cospirazione riguardo all'arma del delitto che 
stanno ancora mancando. Ma noi nel 1984 era- 
vamo in grado di provare che Hodge aveva com- 
messo il falso durante il processo non solo 
nell'estradizione, non solo nel processo di 
Bob(Robideau) e Dino(Butler), ma anche nel mio 
processo- tre volte. Hodge e il suo consulente Joe 


Twardowski erano le uniche persone che avevano 
accesso ai lovori scritti e, in altre parole, alle prove 
stesse. Nel 1985 noi eravamo in grado di soste- 
nere che non c'era solo una terza persona, ma 
anche una quarta che aveva lavorato su questi 
scritti, sebbene Hodge avesse detto che nessun 
altro aveva partecipato. Ma poi provammo che 
c'era la scrittura di altre persone, cosi siamo stati in 
grado di metterelo in stato d'accusa. E lui ha do- 
vuto ritornare sui suoi passi e dire che c'era stato 
un errore e che non conoscieva quali erano le altre 
persone. 

Si', c'e' stata una continua manipolazione che e' 
andata avanti per cercare di celare la prova giusti- 
ficativa che mi avrebbe praticamente assolto, 
perche, come ho detto, la prova piu importante che 
fu usata al processo fu un contenzioso sull'arma 
del delitto che non mi ha dato praticamente modo 
di contrappormi e di ribattere. 

C.A.: L'F.B.I. sta trattando il movimento indiano 
come negli anni '70? 

L.P.: In certe aree si, ci sono ancora molte zone 
dove i leader delle tribù, soprattutto quelli più pro- 
gressisti, sono stati ingiustamente arrestati e 
mandati in prigione, sicuramente c'è ancora un 
comportamento simile in alcune aree 

C.A.: Riguardo all'ufficio degli affari indiani e al suo 
ruolo? 

LP.: Beh, è parte di esso, sono parte di esso 
l'ufficio degli affari indiani gioca una grande parte 
con l'F.B.I.e il governo degli Stati Uniti, loro sono il 
governo degli Stati Uniti 

C.A.: Quali sono le attuali condizioni nel peniten- 
ziario di Leavenworth? Hai accesso alle informa- 
zioni? 

LP.: Sono con la popolazione comune non sono in 
un braccio politico. Le porte sono aperte alla sei e 
mezza dopo noi dobbiamo andare in cella di nuovo 
tra le quattro e le quattro e mezza si riapre di 
nuovo e noi possiamo fare dieci minuti di ginna- 
stica e poi siamo chiusi per la notte alle dieci, ab- 
biamo TV, una libreria, giornali, abbiamo accesso, 
insomma, alle informazioni 

C.A.: Ma ci sono state misure repressive portate 
avanti contro di te, restrizioni sulle visite o sforzi 
dagli ufficiali della prigione per far sì che tu rinun- 
ciassi al tuo modo di essere, alla tua polìtica? 

L.P.: No, in pratica non hanno fatto niente di par- 
ticolare negli ultimi cinque anni 

C.A; Riguardo all'attuale situazione del tuo caso? 
lo so che il tuo tentativo di avere un nuovo pro- 
cesso non è stato approvato. 



L.P.: Beh, sono passato all'appello ed è fuori dal 
livello dì distretto e come noi volevamo, e speriamo 
che si esca proprio dall'ottavo circuito, ma poiché 
non ho denaro e sto praticamente sopravvivendo 
su basì quotidiane, giorno per giorno con il mio 
comitato dì difesa. I mie avvocati sono volontari e 
non sono pagati e hanno altri processi che devono 
portare avanti loro stessi per sostenersi, natural- 
mente. Per cui fino a quando la corte nomina loro 
come pubblici difensori, loro hanno chiesto per una 
sospensione per la data di marzo che era stabilita 
per noi e si spera per una mozione breve, il caso 
per cui è stato per il momento sospeso a tempo 
indefinito fino a quando loro non vengono nominati 
oppure io non ottengo il denaro. 

C.A.: Il caso sta andando avanti oramai da due 
decenni. Come è cambiata la situazione dei nativi 
americani da quando sei stato spedito in prigione? 
L.P.: Niente, niente è cambiato l'unica cosa che è 
cambiata sono gli anni che sono trascorsi. Ab- 
biamo ancora le stesse condizioni, le stesse ri- 
chieste, la stessa lotta sta andando avanti 

C.A.: Qualche progresso nei riconquistare ia Biack 
Hilis o per ia lotta alla Big Mountain? 

L.P.: No, niente , non in quelle aree. Ma abbiamo 
ottenuto alcuni risultati in altre aree dove i nostri 
amici che sono politici ci hanno aiutato per quanto 
riguarda alcuni aspetti legislativi che sono stati 
benefici per la popolazione indiana e nei nostri 
movimenti, le nostre aspirazioni verso 
l'indipendenza. 

C.A.: Hai quaiche speranza che i'udienza con- 
gressuaie che dovrebbe esserci sui tuo caso pro- 
posta dal senatore Inouye ti renderà Ubero ? 

L.P.: Certamente. Ci sono un po' di ragioni, bene- 
fiche per il mio caso, per i quali loro stanno na- 
scondendo quei 6000 documenti. Ogni documento 
che era nocivo per me è stato smontato, c'è una 
ragione che ha tenuto nascosto gii altri 6000 . 
Poiché noi tutti sappiamo che il governo è molto 
famoso per nascondere le prove che potrebbero 
aiutare qualcuno accusato di un crimine politico o 
criminale. 

C.A.: Come ti senti, come va la tua salute? 

L.P.: Bhe, per un po' mi sono lasciato andare sono 
andato un po' sovrappeso, ma adesso sono tor- 
nato normale e anche se posso sembrare non 
molto ottimista in realtà lo sono. 

C.A.: Cosa ti rende così ottimista? 

L.P.: Ma, c'è un grosso movimento che sta an- 
dando avanti proprio ora. Dal mondo letterario, agli 
affari dei films a qualsiasi cosa riguardo a come è 
stato condotto il mio caso, ci sono anche molti 


politici che stanno lavorando molto per me, per cui 
sento che ci debba essere deH'ottimismo. lo penso 
che il 1992 possa essere veramente l'anno in cui 
qualcosa di positivo accada per il mio caso e in 
realtà mi sto preparando 

C.A.: Ma come ti stai preparando? 

L.P.: Innanzitutto aspettando l'approvazione 

dall'ufficio della prigione per permettermi di spo- 
sarmi con una persona meravigliosa, appena arriva 
l'approvazione noi stabiliremo una data. 

C.A.: Come i'hai incontrata? 

L.P.: Ma, c'è stata corrispondenza tra dì noi epi- 
stolare per quattro anni. Era in collegio, è un po' 
più giovane di me , molto sincera e sono sicuro che 
lei voglia sposarmi, ci stiamo preparando a nuova 
vita, ecco cosa sta accadendo. 

C.A.: E poiiticamente sei speranzoso? 

L.P.: Speranzoso per cosa? 

C.A.: Speranzoso che i Nativi Americani possano 
ottenere qualche forma di giustizia. 

L.P.: Beh, sai noi vediamo un sacco di paesi che 
stanno riottenendo la loro sovranità e come i media 
stanno riportando tutto questo. L'Europa dell'est e 
altre nazioni si stanno dichiarando nazioni indi- 
pendenti. A differenza delle dieci tribù che si sono 
dichiarate nazioni indipendenti, sulle quali non è 
stata riportata nessuna notizia, sembra che non ci 
siano reazioni sfavorevoli da parte degli Stati Uniti 
riguardo al caso dell'Europa dell' est. Per cui noi 
speriamo che continuando i nostri passi verso 
l'indipendenza non si sìa costretti a confrontarsi 
come avvenne nel 1973, 1975 e prima di allora. 

C.A.: So che hai ottenuto molta solidarietà 
dall'Unione Sovietica. Puoi aspettarti quel tipo di 
sostegno, data l'attuale situazione politica? 

L.P.: Beh, io immagino che la gente che mi ha so- 
stenuto in passato (più di diciotto milioni) lo faccia 
ancora. Il loro accesso all'Informazione dipende da 
che tipo di media ci sono adesso. Da tutto quel 
casino non è venuto fuori nessun effetto concreto. 

C.A.: Quanto è di aiuto ia soiidarietà internazionale 
e interna nel tener vivo il tuo caso e net sostenerti? 
L.P.: Beh, il sostegno internazionale è stato il più 
grande sostegno, non solo per me, ma per il po- 
polo indiano. La popolazione americana (senza 
badare a quanto sìa politicizzata o quanto sia at- 
tiva) è ancora più interessata a quando sta suc- 
cedendo in Sudafrica o in altri paesi. Non vogliono 
ammettere che ia gente nativa di questo paese ha 
subito grandi atrocità. Non li vedrai mai manife- 
stare a favore degli indiani. 



C.A.: Come mai? 

L.P.: Penso che sia per un senso di colpa (perchè 
non riconoscono il proprio ruolo nell'oppressione 
degli indiani). Intendo dire che pensano che 
chiunque altro tranne loro stessi sia cattivo, questo 
succede perfino nei movimenti qui negli Stati Uniti. 
Non li vedrai marciare a favore degli Indiani come 
invece fanno per i neri o per i tedeschi dell'Est o 
per i russi o chiunque altro si trovi in luoghi dove 
succede qualche atrocità. 

C.A.: Ci sono aitri prigionieri poiitìci qui e per il 
mondo con cui sei stato in contatto? 

L.P.: Non mi è permesso di scrivere a nessuno in 
altre istituzioni carcerarie. Ho avuto le notizie at- 
traverso i giornali, ma non direttamente. 

C.A.: Sono sicuro che hai sentito parlare molto del 
500° anniversario dell'invasione di Colombo e del 
movimento per legare le popolazioni indigene at- 
traverso il continente, per stringere alleanze in 
modo che i vari movimenti possano lavorare in- 
sieme. E' una strategia utile per gii indiani del 
nordamerica oppure sarebbe meglio concentrarsi 
su ciò che accade nei propri territori? 

L.P.: Prima di tutto, noi sosteniamo tutti i tipi di mo- 
vimento che stanno andando avanti. Per noi uscire 
fuori e cominciare a concentrarsi su cosa sta ac- 
cadendo in altre parti del mondo, mentre noi 
stiamo soffrendo qui nel nostro paese, sembre- 
rebbe quasi piuttosto ipocrita. Noi, come popola- 
zione indiana in questo Paese, saremo sempre 
solidali con chiunque nel mondo, ma dobbiamo 
anche concentrarci su quanto sta accadendo a noi 
qui a casa e provare a suscitare l'attenzione del 
mondo. 

C.A.: Una delle cose che sta accadendo qui è che 
i territori indiani sono diventati anche sede per 
depositi tossici e per miniere di uranio. Che tipo di 
effetto fa, e che modi di contrapposizione vedete? 
L.P.: Si, come vedi in alcune aree hanno provato a 
mettere rifiuti tossici ma la gente ha resistito e l'ha 
combattuto. Ed è precisamente ciò che continue- 
remo a fare ogni volta che loro tenteranno di met- 
tere una di queste cose nelle nostre riserve. 

C.A.: C'è qualche punto particolare che tu gradi- 
resti che la gente capisse della tua lotta? 

L.P.: Si, gradirei dire alla gente che c'è una lotta 
qui che va avanti da più di duecento, più di cin- 
quecento anni. E non è stata ancora risolta. Stiamo 
chiedendo che ci aiutano "a pulire il nostro giardi- 
netto" prima che si vada in giro per il mondo. Noi 
abbiamo bisogno di aiuto, abbiamo bisogno del 
vostro sostegno. Non possiamo farcela da soli 
perchè la nostra popolazione a causa dello ster- 


minio è molto piccola, non possiamo farcela da soli 
abbiamo bisogno di aiuto. 

C.A.: Pensi che l'aiuto debba venire da Washing- 
ton oppure dalla gente? 

L.P.: Beh chiaramente deve arrivare dalle masse; 
sono le masse che devono cambiare la mentalità di 
Washington. 

C.A.: E rispetto al tuo caso la stessa cosa? 

L.P.: La stessa cosa. Senza le masse in sostegno 
le possibilità di un mio rilascio, di una vittoria della 
lotta per la mia libertà sono molto molto piccole. 

C.A.: Sembra che tu non abbia molta fiducia nella 
giustizia del sistema legale statunitense. 

LP.: No, in realtà ne ho molto poca. Certamente 
ho anche i miei motivi per averne poca, e tutta la 
mia storia mi da anche questa mancanza di fede e 
di fiducia. Questo è tutto quello che posso dire. 


14 File ; LAMBR092.ZIP 


Parco Lambro 1992 

Anche quest'anno, per la quarta volta consecutiva, 
e’ emersa l'esigenza, da parte del movimento an- 
tagonista, di costruire una nuova edizione di 
PARCO LAMBRO. 

l/le compagni/e e le situazioni che compongono il 
Coordinamento Regionale Antagonista della 
Lombardia, in parallelo ed interni al percorso di 
iniziative e dibattito del Coordinamento Nazionale 
Antinucleare Antimperialista, si pongono come 
organismo politico convocatore di quattro giornate 
di lotta e tensione sociale. 

Continuando nel solco tracciato dalle precedenti 
tre edizioni ed arricchito dall'esperienza vissuta 
nell'ultimo anno politico, anche PARCO LAMBRO 
1992 vuole rappresentare un incontro a livello na- 
zionale ed internazionale di soggetti e realta' an- 
tagoniste che quotidianamente e con diversi obiet- 
tivi, si scontrano con gli apparati del potere impe- 
rialista. 

Il 1992 e' per molti aspetti, aH'interno dello scenario 
mondiale, un anno importante e di cerniera, tra 
vecchi e nuovi equilibri tracciati dai sistemi di rela- 
zioni politico-sociali imposti dal modello dominante 
per la ridefinizione in avanti deile logiche e schie- 
ramenti voluti dall'prdine mondiale. Il comando 
unipolare guidato dagli USA, la concorrenza tra gli 
interessi economici deH'imperialismo e la gendar- 
meria diffusa quale fattore di militarizzazione in 



diverse aree del mondo, sono le coordinate di un 
progetto che stenta ad avere concretezza in virtù' 
dello scatenarsi di contraddizioni e conflitti sociali 
generati dalle lotte dei popoli che dovrebbero su- 
bire le nuove schiavitù'. 

Il conflitto bellico-politico del 1991, ha permesso 
alla "SANTA ALLEANZA" di ricondurre all'ordine un 
suo stato e governo satellite, l'IRAK di SADDAM. 
Ad appena un anno dagli eventi, nonostante l'opera 
di rimozione censoria attuata dai canali di comu- 
nicazione , i risultati della "tempesta nel deserto" 
non sono stati raggiunti. 

L'azione di polizia internazionale guidata 
dairimperialismo USA e legiferata dall'ONU, vor- 
rebbe ripetere le proprie gesta contro la Libia ed il 
popolo libico e domani contro Cuba ed il popolo 
cubano. 

Mentre altri esercizi di geometria diplomatica, 
quale la conferenza di pace per la questione Pale- 
stinese, non consegue alcun risultato a favore dei 
sionisti e l'Intifada rivede e perfeziona i suoi metodi 
di lotta. 

In Europa, dalle macerie dei muri e dei regimi 
crollati sono nate tante guerre nazionaliste pilotate 
e finanziate dalle nascenti borghesie locali, pronte 
a stringere patti ed alleanze con il capitalismo oc- 
cidentale. 

Da tali sgretolamenti, sociali e culturali, nasce e si 
sviluppa un'ondata xenofoba e razzista guidata da 
una borghesia imprenditoriale,pronta a difendere i 
suoi privilegi economici nelle sedi istituzionali at- 
traverso le varie tornate elettorali che si sono 
svolte in quasi tutti i paesi europei o per mezzo di 
nuovi fenomeni neonazisti da usare come moderni 
plotoni di esecuzioni contro i soggetti immigrati in 
occidente dai paesi africani ed asiatici, ma anche 
dalle nazioni dell'Europa dell'est. 

L'avanzata della nuova destra in Europa, da un 
lato si inquadra in un clima di paura sociale della 
gente alimentato dai mezzi mass-mediati attra- 
verso lo spauracchio e l'inganno della presunta 
perdita del posto di lavoro, della casa e dei servizi 
primari e dall'altro in una arretratezza culturale e 
diffidenza mentale, se non vera e propria opposi- 
zione verso il concetto di una società' multietnica e 
multirazziale. 

Ma e' il versante istituzionale il vero e proprio mo- 
tore dei fenomeni della destra europea. Attraverso 
leggi nazionali e Trattati Europei tra Stati si articola 
la gestione del controllo territoriale delle istituzioni 
per mezzo delle forze dell'ordine. Le reti repressive 
e protezionistiche estese a difesa del sistema oc- 
cidentale, si chiudono, colpendo i soggetti consi- 


derati a rischio, siano essi immigrati o tossicodi- 
pendenti. 

La mappatura dei comportamenti sociali con la 
criminalizzazione e la carcerazione di coloro che 
vengono considerati "diversi", ha creato in questi 
anni, un diffuso sistema di disuguaglianze sociali, 
nel quale leggi come la Russo lervolino. Martelli e 
Boniver hanno creato le premesse per un ulteriore 
sviluppo della militarizzazione del territorio, 
dell'annientamento sociale e maggior sfruttamento 
produttivo per mano d'opera a basso costo. 

PARCO LAMBRO 1992 propone ai compagni delle 
varie realta' di recuperare una delle pratiche che 
hanno puntualizzato il suo percorso e di promuo- 
vere lo svolgimento dell'iniziativa e del dibattito sul 
tema "DESTRA SOCIALE E PERCORSI DI LIBE- 
RAZIONE". 

Milano e la Lombardia sono le teste pensanti del 
sistema delle tangenti, della mafia imprenditoriale, 
dell'uso del partito socialista nel controllo e sparti- 
zione della cosa pubblica; e' il territorio che ha 
consolidato l'avanzata e l'affermazione della Lega. 
Questa metropoli regionalizzata s'innerva in tutti gli 
interstizi istituzionali del nostro paese, trovando 
spazio e consenso nel partito presidenziale e nelle 
strategie trasversali tra finanza e politica che pun- 
tellano i passaggi governativi. 

Queste varie strategie, che comunemente vengono 
inquadrate nel passaggio e nascita della Seconda 
Repubblica, in realta' non poggiano su alcun dato 
di riscontro. 

Nell'affare Milano-tangenti scaturisce limpido il 
bisogno di rafforzamento degli attuali organi istitu- 
zionali e il varo di piccole riforme per aggiustare il 
sistema parlamentare. 

Il primo consolidamento della repubblica avvenne 
nella meta' degli anni '70 con la scomparsa 
dell'opposizione istituzionale e parlamentare im- 
personata dal vecchio PCI di Berlinguer. 

Le successive fasi di unita' nazionale e consociati- 
vismo nella spartizione del potere, ha caratteriz- 
zato la storia degli anni '80 con l'inglobamento de- 
finitivo dei sindacati nel sistema di spartizione del 
potere. 

La questione dell'oggi e' di rendere maggiormente 
produttivo, in ogni contesto sociale, i settori di un 
apparato di dominio e controllo di cui lo STATO SI 
E' GIÀ DOTATO. 

Pensare ai percorsi e al bisogno di liberazione si- 
gnifica per noi rimettere in moto una progettualità' 
partendo dal nostro essere di soggetti sociali an- 
tagonisti e incontrando i nuovi orizzonti dei conflitti 
sociali. 



Il procedere dello sviluppo di lotte in uno dei cuori 
dell'Impero, unisce nell'abbraccio ideale della re- 
sponsabilità' dell'iniziativa di PARCO LAMBRO 
1992 i fratelli e compagni che a varie latitudini lot- 
tano per sconfiggere l'imperialismo e liberarsi da 
ogni modello di schiavitù'. 

Crediamo che sia cosa di non poco conto nell'anno 
in cui il sistema si autocelebra per mezzo 
dell'invasione delle Americhe, nel quale si tenta di 
cancellare ogni conflitto sociale e ridisegnare le 
aree urbane attraverso lo smantellamento degli 
apparati produttivi, trasferendoli e dando vita all’era 
commerciale. 


E' evidente che dopo il duro attacco politico al di- 
ritto di sciopero, con il nascere 
deH'autoregolamentazione, il sistema politico ed 
economico vuole procedere ad una nuova ristrut- 
turazione degli apparati produttivi pubblici e privati. 
Privatizzazione per i settori statali quali il sanitario, 
la scuola, i trasporti e altri di importanza primaria e 
chiusura delle imprese private rese obsolete dalle 
stesse regole del mercato economico mondiale. 
Questa ricetta, dura da far accettare a milioni di 
lavoratori, si avvale dell'ausilio di leggi per la 
svendita del patrimonio pubblico alle imprese pri- 
vate forti 0 all'introduzione di nuove regolamenta- 
zioni in tema di contingenza, mobilita', cassa inte- 
grazione e licenziamenti per le grandi aree indu- 
striali. 

Il passaggio all'Europa del '93, con un nuovo or- 
dine sociale, economico e militare, pretende tempi 
abbastanza veloci e la macchina del consenso so- 
ciale pretende di essere guidata verso destra per 
non incontrare troppi ostacoli nel suo cammino. 

In essa tutto deve essere accorpato, reso compa- 
tibile al comando di impresa, che nell'ambito 
dell'economia mondo, regola istituzioni, partiti e 
sindacati. 

La destra sociale nell' Occidente come ad Oriente, 
si presenta come una spirale orizzontale nella 
quale, a vario titolo,si avvolgono le porzioni e gli 
interessi del potere dominante, al fine di formulare 
in Spagna come in Turchia, le nuove basi opera- 
tive del controllo e del comando imperiale. 

La destra occidentale, in uno dei suoi passaggi 
politici e sociali, ambisce a costruire uno degli 
anelli forti della propria strategia: i PROVVEDI- 
MENTI REPRESSIVI E CARCERARI. 

Questa tipica manifestazione di impotenza contro 
le lotte e l'insubordinazione dei popoli produce 
pena di morte, leggi di espulsione militare per gli 
immigrati, costruzione di ghetti per i proletari, pe- 


staggi, denunce e condanne per i soggetti delle 
realta' antagoniste, embarghi e venti di guerra 
contro stati sovrani. 

Ma da questo contesto mondiale nasce e si svi- 
luppa una formidabile solidarietà' antimperialista 
come fattore innovativo e di fratellanza verso nuovi 
percorsi di liberazione sociale. 

Il Coordinamento propone lo svolgimento di 
PARCO LAMBRO 1992 nei giorni 2-3-4-5 Luglio, 
con l'obiettivo di mettere in collegamento le espe- 
rienze e le elaborazioni su questi temi delle realta' 
antagoniste europee ed internazionali. 

Pensiamo di costruire iniziative di lotta nella me- 
tropoli milanese, durante le giornate del meeting, e 
sperimentare all'Interno del contesto fisico di svol- 
gimento di PARCO LAMBRO 1992 la costruzione 
di una rete antagonista di comunicazione imme- 
diata. 

Sara' attivata nei giorni di festa e lotta una radio il- 
legale, pensata e costruita dai compagni che tra- 
smetterà' il suo messaggio in tempo reale con lo 
svilupparsi delle iniziative emettendo la sua voce 
nelle zone limitrofe al luogo dove si svolgerà' il 
meeting. 

Questo per noi rappresenta piu' di una scom- 
messa, ma un reale tentativo nel procedere verso 
forme stabili di contropotere. 

Come in ogni edizione, tutta l'area destinata ad 
ospitare PARCO LAMBRO 1992, sara' dotata di' 
impianti di accoglienza i sistemazione per coloro 
che provengono da fuori Milano e dotata delle in- 
frastrutture primarie quali bagni, docce ed appro- 
vigìonamento. 

Nel corso delle giornate vi saranno come sempre 
spettacoli, concerti, proiezioni video e materiale 
autoprodotto. 

Coordinamento Regionale Antagonista della 
Lombardia. 

Milano, 2 maggio 1992. 



15 File : CAY0514.WRI 


Abbiamo appreso che 4 naziskins hanno osato 
violare uno spazio dì liberta' reale come il C.S.O. 
Cox 18 di Milano ed aggredito dei compagni 
anarchici. 

E' un attacco al movimento antagonista nel suo in- 
sieme. 

Niente resterà' impunito. 

con il sangue agli occhi 
CA YENNOUTGESTITA 


16 File : MI20514A.TXT 


Milano, 14 05 1992 

Redaz. ECN 

Questa notte, attorno alle 5.15, da una Opel rossa 
e' stata lanciata contro una finestra della casa oc- 
cupata di Piazza Aspromonte una bottiglia conte- 
nente liquido infiammabile. La bottiglia non si e' 
incendiata. 

Sempre nel corso della notte e' stata lanciata una 
bottiglia molotov contro il C.S.O. Pergola. La bot- 
tiglia non si e' incendiata e poco distante e' stato 
trovato l'innesco, distaccatosi durante il lancio. 

Per quanto riguarda l'attentato alla casa occupata 
di Piazza Aspromonte il liquido contenuto nella 
bottìglia non era benzina, probabilmente trielina e 
non e' stata trovata traccia di innesco. 

Non ci sono state rivendicazioni. 

ECN Milano 


17 File : CORTE.TXT 


La censura di stato 

In merito agli articoli pubblicati sulla giornata di ieri 
13/5, vorremmo ricostruire gli avvenimenti al di là 
delle falsificazioni della stampa. 

Alle ore 15, siamo arrivati davanti alle macerie 
della Corte del diavolo (senza entrare nel cantiere 
né bloccare i lavori) per fare un presidio di con- 
troinformazione riguardante lo sgombero. 


Di fronte a noi c'era la solita colonna di blindati di 
polizia e carabinieri che, dopo poco, ci hanno inti- 
mato di allontanarci entro dieci minuti; in caso con- 
trario saremmo stati caricati. 

Davanti a questa ennesima minaccia e 
all'atteggiamento dei carabinieri che si erano muniti 
di caschi, manganelli fuori ordinanza, frustini, 
spranghe di ferro e manici di piccone ci siamo tra- 
sferiti nei giardini dietro Spazioarte, 
intorno alle 16.30 è spuntato, da un angolo a noi 
non visibile, un gruppo di CO accompagnato da 
alcuni poliziotti in borghese in assetto da carica 
che hanno iniziato quasi subito a correre nella no- 
stra direzione disperdendoci in tutto il quartiere. 
Una grossa parte di noi si è ritrovata in viale Marelli 
dove sono continuati gli inseguimenti, i fermi e le 
manganellate a chiunque per età o per modo di 
vestire potesse appartenere alla corte del diavolo. 
Sempre durante la fuga alcuni di noi sono entrati 
nella sede locale di rifondazione comunista spie- 
gando la situazione e chiedendo di telefonare agli 
avvocati e Radio Popolare: i cari compagni Hanno 
risposto con un secco: no. 

Tutti i fermati, una ventina, sono stati portati nei 
cellulari ed identificati; a quanto si sa nove sono 
stati denunciati per oltraggio e resistenza a pub- 
blico ufficiale (notizia non ancora confermata dal 
commissariato di Sesto). 

Quattro di loro erano ancora nei cellulari in procinto 
di essere portati in questura quando, una volta 
riunitici ai giardini, ci siamo avvicinati per chiedere 
che ci venissero rilasciati, in quanto trattenuti ille- 
galmente. Di fronte a noi c'erano cc e digos schie- 
rati, sempre con manganello e caschi, in atteggia- 
mento provocatorio. Mentre con un megafono 
spiegavamo ai passanti radunatisi ciò che era av- 
venuto poco prima, la forze dell'ordine provvede- 
vano ad allontanare i cittadini presenti in modo tale 
da impedirci ogni tipo di comunicazioni.Alla fine i 
quattro compagni sono stati rilasciti, c'era molta 
gente che guardava dalla strada e dai palazzi in- 
torno. 

QUESTI I FATTI DI IERI. 

RIBADIAMO LA NOSTRA VOLONTÀ' DI NON LA- 
SCIARE IL QUARTIERE IN MANO ALLA POLIZIA, 
AGLI SPACCIATORI, Al PADRONI. 

LA LOTTA CONTINUA PER APRIRE NUOVI 
SPAZI DI LIBERTA'IN SOLIDARIETÀ CON GLI 
OPERAI E GLI SFRATTATI. 

CONTRO LE PROVOCAZIONI DELLA POLIZIA, 
PER CONTINUARE LA NOSTRA ESPERIENZA DI 
AUTOGESTIONE. 

ORA E SEMPRE RESISTENZA. 

GLI OCCUPANTI DELLA CORTE DEL DIAVOLO 



18 File : MI20515A.TXT 


Milano 15 maggio 1992 

Redaz. ECN Milano, ore 02.00 

Questa sera, mentre si svolgeva l'assemblea di 
movimento in Via De Amicis (convocata dopo 
l'attentato nazista al Laboratorio Anarchico) una 
quarantina di nazi-skins si radunava alle "Colonne 
di San Lorenzo”, una piazzetta poco distante, loro 
abituale punto di ritrovo. 

Circa 60 compagni - tra cui molti immigrati - 
uscivano daH'assemblea e caricavano con deter- 
minazione per tre volte lo squadrone nazi-skins 
che ha inizialmente reagito con un lancio di botti- 
glie e sassi. 

Veniva assaltata la birreria Ocktoberfest, divelta la 
saracinesca, distrutto il distruggibile, alcune moto 
venivano bruvciate; a numerosi nazi veniva per- 
sonalmente impartita una giusta lezione. 

Risulta che la polizia riferiva la situazione come 
"inawicinabile". 

Numerose ambulanze scortate portavano via i nazi 
feriti. Tra i compagni solo qualche leggera contu- 
sione; nessuna identificazione, nessun fermo (a 
quanto ne sappiamo fin'ora), 

Red.ECN MI 


19 File : BO20515.TXT 


All'Assessore alle Politiche Sociali e 

all'Immigrazione 

Anna Fiorenza 

e p.c. 

all'Assessore alla Casa Claudio Sassi 
al segretario provinciale sindacato CGIL 
al segretario provinciale sindacato CISL 
al segretario provinciale UH 
al presidente del Consiglio di Q.re S. Donato 

Bologna, 12 maggio 1992 

In merito alla convocazione, da parte 
dell'Assessore Fiorenza, di una riunione per la 
formazione della graduatoria per l'assegnazione 
dei posti letto agli immigrati extracomunitari, te- 
niamo a precisare quanto segue: 

1) Tale riunione viene convocata senza nessun 
chiarimento preliminare da parte 


deH'Amministrazione Comunale per quanto ri- 
guarda i criteri di formazione della graduatoria. 

2) Non e' stato in alcun modo spiegato agli immi- 
grati quale sia la funzione di tale graduatoria; il 
Comune non ha chiarito quali siano i programmi 
per quanto riguarda l'accoglienza. Non e' stato 
spiegato quali sono i programmi di ristrutturazione 
e riassegnazione per i Centri di prima accoglienza; 
in particolare, l'Amministrazione Comunale deve 
esprimersi con chiarezza per quanto riguarda i 
Centri di Prima accoglienza di via Guelfa, via Sta- 
lingrado, via Rimesse, il Pilastro. 

3) L'Amministrazione, nonostante numerose e ri- 
petute proteste e proposte, non ha ancora ricon- 
siderato i regolamenti dei centri, regolamenti da 
carcere. 

Non ha ancora predisposto in modo CREDIBILE 
un piano per la seconda accoglienza, ne' tanto- 
meno si parla di programmi per l'ampliamento dei 
posti letto, nonostante ve ne sia l'evidente neces- 
sita'. Numerosi centri sono tuttora in condizioni di 
degrado e sovraffollamento. 

4) Gli immigrati hanno il diritto di essere sentiti per 
ogni cosa che riguardi la loro permanenza e il loro 
futuro a Bologna. Fino ad oggi, invece, si e' prati- 
cata da parte deH'Amministrazione una democrazia 
puramente formale, senza nessun contenuto con- 
creto. I rappresentanti vengono convocati a giochi 
fatti, senza nessuna possibilità' di consultare gli al- 
tri immigrati, e quindi senza possibilità' di rappre- 
sentarli. Questa non e' democrazia, ma il tentativo 
di farci ingoiare qualsiasi cosa il Comune prepari. 

In considerazione di tutto ciò', chiediamo il rinvio 
della riunione per la graduatoria; chiediamo 
aH'Amministrazione di pronunciarsi in modo chiaro 
(e scritto) sulle proprie intenzioni e programmi, im 
modo da permetterci una reale discussione con i 
nosdtri fratelli sulle decisioni da prendere. Solo al- 
lora potremo parlare di graduatorie, fermo restando 
che dal nostro punto di vista e' ingiusto escludere 
cinquecento persone dall'assegnazione. Non sa- 
remo noi quelli che sottoscriveranno l'esclusione 
dei nostri fratelli disoccupati e disagiati dai Centri di 
Prima Accoglienza 


in fede 

I RAPPRESENTANTI DEGLI IMMIGRATI 



File : LONDRA.ZIP 


20 File : GE20515.TXT 


15/5/92 h.20:30 

giunta notizia di tre fermi in occasione delle con- 
testazioni alle colombiane. 

Si attendono ulteriori notizie. 


21 File : MIGE155A.TXT 


ECN MILANO 

Telefonata giunta a! C.S. Leoncavallo alle ore 
22.30 

Un tentativo di blocco per contestare 
l'inaugurazione dell'EXPO e' fallito. 

Sono stati fermati tre compagni a cui e’ stato suc- 
cessivavente dato il foglio di via. 

E' appena terminata la fiaccolata, non ci sono stati 
incidenti. 


22 File : LYON.TXT 


Due giovani occupanti della Croix-Rousse (centro 
sociale di Lione) sono stati condannati giovedì 14 
maggio ad un mese di prigione con la condizionale 
per "violenza a pubblico ufficiale". I due compagni 
erano stati fermati il 9 aprile durante una manife- 
stazione contro l'inaugurazione di un immobile di 
lusso, il “Cesar", per protestare contro gli sgomberi 
dei giorni precedenti e l'occupazione militare del 
quartiere. 

ECN PARIGI - 15/5/92 


23 


- POLL TAX 

- ANTIRAZZISMO-ANTIFASCISMO. 

- PROBLEMA CASA IN INGHILTERRA. 

- OCCUPAZIONE DI CASE A LONDRA. 

- OPPOSIZIONE ALLA GUERRA DEL GOLFO. 

- ESPERIENZE DI AUTORGANIZZAZIONE TRA I 
LAVORATORI. 


DOMANDA: Cosa è restato delle lotte contro la 
Poll-Tax? 

RISPOSTA A): La lotta contro la Poll-Tax è prati- 
camente vinta, vinta ma non finita visto che ci sono 
ancora tre compagni imprigionati in seguito agii 
scontri di Trafalgar Square di due anni fa. Pare 
inoltre che siano stati emessi circa quaranta 
mandati di arresto nei confronti di alcuni che hanno 
partecipato a grossi scontri con la polizia in un 
paese fuori Londra.. .altri mandati sono stati emessi 
anche a Londra.. .Circa cento persone sono poi 
state incarcerate in seguito al rifiuto di pagamento 
della tassa, il periodo di detenzione è di circa tre 
mesi. 

Ormai quasi tutte le strutture organizzate nate 
contro la tassa non esistono più. A Camden Town, 
nel nord di Londra, esiste ancora una certa atti- 
vità. ..si bloccano le udienze e si cerca di inceppare 
in tutti i modi i processi contro chi non ha pa- 
gato. ..A ottobre si è tenuto a Londra un corteo di 
circa 3000 persone e se lo rapportiamo ai cortei di 
due anni fa risulta evidente il calo di tensione; al- 
lora ci furono grossi scontri davanti ai comuni. ..fino 
al corteo nazionale del 31 Marzo con più di 200000 
persone finito in una vera e propria battaglia nel 
centro di Londra. La Poll-Tax sarà definitivamente 
abrogata solo nell'Aprile 93 e intanto sia i laburisti 
che i conservatori dicono che, in caso di vittoria 
elettorale, continueranno a cercare i non-paga- 
tori...il problema (il loro problema) è che si tratta di 
18000000 di persone.. .quindi risulterà impossibile. 
La maggior parte delle persone incarcerate sono 
attivisti; visto che non possono arrestare e pro- 
cessare 18 milioni di persone, hanno incarcerato 
gli elementi più attivi e politicizzati. 

DOMANDA: In tutte queste lotte contro la tassa, 
che ruolo hanno avuto le organizzazioni di base, 
ossia le forme di autorganizzazione? 

RISPOSTA A); Praticamente in ogni quartiere 
proletario è nato un comitato contro la Poli Tax, in 
molti casi sono stati "gestiti" da "Militant" (interni al 
Partito Laburista!), però la rabbia e l'opposizione 
della gente era così forte che spesso si è svinco- 



lata dalla loro direzione. Molti di questi comitati 
erano quindi nelle mani di opportunisti, di gente 
che, dopo gli scontri di Trafalgar Square, ha im- 
mediatamente preso le distanze da coloro che si 
sono battuti contro la polizia definendo questi 
compagni "terroristi"; hanno poi invitato, alla tele- 
visione, la gente a denunciare chi aveva ricono- 
sciuto negli scontri... è stato anche "grazie" a que- 
sti bastardi che molti comitati sorti spontaneamente 
oggi non esistono più. Questi comitati non hanno 
potuto svilupparsi e crescere proprio a causa della 
"direzione" che questi schifosi opportunisti hanno 
voluto esercitare al fine di "incanalare" e moderare 
la rabbia popolare. 

Non in tutti i casi sono scomparse le organizzazioni 
di base; specialmente a Londra ove erano più ra- 
dicate nei quartieri proletari, oggi continuano a lot- 
tare in difesa di quanti sono "sotto processo" o 
nella difesa organizzata contro gli esattori delle 
tasse che mettono piede nel quartiere. ..in tutti i 
casi ,comunque, la base del movimento contro la 
Poli Tax è stata proprio i'autorganizzazione di base 
che si è creata nei quartieri popolari. 

DOMANDA: C'è stata una certa continuità tra ie 
iotte contro ia tassa e ie lotte oggi intraprese contro 
il razzismo? Voglio dire: le strutture di base nate 
contro la Poli Tax hanno avuto una "crescita poli- 
tica" tale per cui hanno intrapreso la lotta antifa- 
scista ed antirazzista che si sta ora esprimendo in 
città? 

RISPOSTA A): La lotta antirazzista ed antifascista 
è portata avanti dagli stessi attivisti impegnati con- 
tro la Poli Tax. La lotta antifascista ed antirazzista 
è oggi sentita come prioritaria. Purtroppo non c’è 
stato quello sviluppo politico, nelle organizzazioni 
di base nate contro la Poli Tax, tale da legarle im- 
mediatamente a queste lotte. Quando è apparso 
che la lotta contro la tassa era praticamente vinta, 
molti di questi comitati di quartiere si sono sciolti. Il 
passaggio da quella lotta a quelle contro razzisti e 
fascisti è stato immediato solo per i compagni... 

RISPOSTA B): Vorrei aggiungere qualcosa... la 
mia impressione è che qui queste organizzazioni si 
creano spontaneamente, si danno un minimo di 
organizzazione attorno al tema specifico e poi c'è 
una tale incapacità di muoversi oltre l'obiettivo par- 
ticolare. Vorrei dire alcune cose a proposito delia 
"rinascita" (esisteva già dieci anni fa) della "Anti 
Nazi League"; c'è certamente razzismo e fascismo 
da combattere... ma c'è anche un grande bisogno 
da parte della "macchina assuntrice" che si chiama 
SWP (Socialist Worker Party), che è una organiz- 
zazione della sinistra trotskista che in sostanza 
"lavora" per il Partito Laburista anche se non di- 
rettamente.. .invita la gente a votarlo...; dicevo ap- 


punto che questa "macchina-assumi-militanti", si 
trova in ogni occasione col proprio "giornalino" da 
vendere. ..con l'intento di far aumentare numerica- 
mente il partitine... 

RISPOSTA A): ...Non gli fa schifo niente.. .c'è stata 
polemica per questa "rinascita", visto che già esi- 
stevano altre due organizzazioni antirazziste... e 
questa ANL viene riportata in vita a distanza di 
dieci anni dalle lotte contro II Natonal Front (NF)... 
Il NF fu fronteggiato a livello di massa al di là della 
leadership di questa o quella organizzazione... Ci 
furono grossi scontri contri i fascisti... e con lo 
spostamento a destra introdotto dalla politica del 
Partito Conservatore... questi del NF si sono trovati 
spiazzati... le posizioni anti-immigrati erano prati- 
camente le stesse... Già dieci anni fa c'erano altri 
gruppi antifascisti-antirazzisti oltre all'ANL; come 
ad esemplo l'AFA (Anti Fascist Action) molto più 
largo e svincolato da partiti o partitini... Questa 
ANL oggi può essere letta anche come occasione 
opportunistica.. .si fanno già scommesse su 
quando i leaders del SWP decideranno di scio- 
gliere l’ANL... quando non ne vedranno più una 
possibilità di "reclutamento"... 

DOMANDA: OLtre al NF o simili, ci sono anche 
gruppi organizzati di naziskin o altri gruppetti raz- 
zisti-organizzati che compiono attacchi contro im- 
migrati come in altre parti d'Europa? 

RISPOSTA A): Qui In Inghilterra i fascisti sono 
"relativamente" pochi rispetto ad altri paesi euro- 
pei. Il National Front ormai non esiste più, ora il 
partito fascista più grande è il BNP (British National 
Pary) che si presenta alle elezioni. Il BNP ha ot- 
tenuto fino al 25% di voti nell'East End London, un 
quartiere ove ci sono molti immigrati. ..quindi il raz- 
zismo è molto diffuso tra il proletariato bianco... 

Molti episodi di razzismo violento non sono legati 
direttamente a gruppi fascisti organizzati. ..certo 
questi bastardi cercano di sfruttare questi episodi. 
Un anno fa un ragazzo di colore è stato ucciso da 
una banda razzista proprio in un quartiere di Lon- 
dra ove hanno la sede i fascisti; la polizia non ha 
fermato quasi nessuno di questi fascisti. ..e per i 
pochi fermati le condanne sono stati lievi. In quel 
caso il BNP ha difeso i colpevoli parlando di 
"legittima difesa da parte della comunità bianca". 
Proprio nel quartiere ove hanno la sede i fascisti, il 
numero degli attacchi razzisti è aumentato in poco 
tempo del 150%. Nonostante i "danni" provocati da 
queste organizzazioni fasciste, bisogna dire che il 
numero di militanti di cui dispongono è molto 
basso... penso si aggiri attorno a poche centinaia in 
tutta l'Inghilterra. Ripeto qui il problema più che dai 
fascisti viene dal razzismo diffuso: 



Gruppi fascisti cercavano di far propaganda negli 
stadi, oggi le cose stanno cambiando; molti gruppi 
antifascisti cercano di tenerli lontani dagli stadi 
impedendo loro di vendere i propri giornali. 

Qui c'è una cultura che è storicamente razzista e 
l'ostilità e gli attacchi nei confronti degli immigrati è 
più un fatto "individuale": la maggior parte di questi 
attacchi non viene nemmeno riportata dai gior- 
nali. ..eppure sembra che in inghilterra ci sia un at- 
tacco razzista ogni cinque minuti! 

DOMANDA: Tra le comunità di immigrati c'è una 
qualche forma di autodifesa collettiva organizzata? 

RISPOSTA A): Esistono diverse organizzazioni di 
autodifesa, alcune sono legate ai laburisti altre 
sono idipendenti; queste ultime vedono giusta- 
mente il partito Laburita come un partito razzista e 
non vogliono aver nulla a che fare con esso. 

In molti quartieri esistono gruppi organizzati che 
compiono ronde antirazziste, queste autorganiz- 
zazioni si creano spesso nelle comunità di immi- 
grati provenienti dal Bangladesh, visto che sono i 
più discriminati e che subiscono il maggior numero 
di attachi. In alcune zone sono costretti ad orga- 
nizzare ronde antirazziste anche per accompa- 
gnare i bambini a scuola. Mi sembra che oggi qui 
come in molti altri paesi europei, il problema raz- 
zismo sia il più immediato che ci si trova a dover 
affrontare. 

DOMANDA: Parliamo del problema-casa in In- 
ghilterra... 

RISPOSTA B): Qui in Inghilterra dagli anni ses- 
santa, dal “bomm economico", fino alla fine degli 
anni settanta venivano costruite molte nuove abi- 
tazioni, tutto questo faceva parte della tipica poli- 
tica "semi-sociai-democratica", indipendente- 
mente dal fatto che governassero laburisti o con- 
servatori.. .La casa risultava essere uno di quegli 
aspetti di "mediazione kejnesiana"...si parla della 
costruzione di circa 400000 alloggi all'anno... 

Dalla fine degli anni settanta questa politica di co- 
struzioni è stata bloccata; il governo ha quindi in- 
centivato attraverso mutui agevolati l'acquisto di 
molte di queste CounciI House (case comunali). 
Qggi che l'economia è in piena recessione ne 
consegue che molti di questi mutui "saltano" per- 
chè la gente non riesce più a pagarli... e la casa 
torna al comune che li sfratta. Tutta questa gente 
si trova a "dover scegliere" se dormire sotto ai 
ponti o se occupare una casa. L'affitto nelle Coun- 
ciI House non è elevatissimo; circa 27 Pounds a 
settimana (60000 Lire circa) mentre l'affitto di una 
stanza in una "normale" abitazione si aggira, qui a 
Londra, sui 40 Pounds a settimana. Se si ottieme il 
sussidio di disoccupazione si ha diritto al paga- 


mento di parte dell'affitto e a circa 40 Pounds a 
settimana. Quindi chi aveva ottenuto la CounciI 
House si trovava in una situazione "relativamente 
garantita", perlomeno per quanto riguarda il pro- 
blema-casa. 

Con lo stop alle nuove costruzioni e con la politica 
di vendita delle case comunali, succede che, 
quando c'è una casa libera, questa non viene più 
assegnata. Questo perchè il comune attende di 
venderla o perchè vogliono assegnarla a qualche 
"amico"... 

Il risultato di tutto ciò è che ci sono in giro molte 
case abbandonate che stanno semplicemente 
"marcendo". Da queste situazioni ha preso il via il 
fenomeno delle occupazioni di case. Qui in Inghil- 
terra, l'occupazione di casa, non è un fatto illegale; 
ma una cosidetta "offesa civile". Pare comunque 
che tra breve passerà una legge che farà diventare 
l'occupazione un reato. Si dice che siccome qui 
l'occupare case non è un fatto illegale, questa pra- 
tica non è mai stata "politicizzata" dagli occupanti, 
mentre in altri paesi, ove il "rischio" è maggiore, è 
sorta la necessità di un minimo di aggregazione 
politica in difesa delle occupazioni. 

Girando Londra ci si imbatte in tantissime case 
"porte di ferro", queste servono per "proteggere" le 
proprietà comunali delle occupazioni. Se uno entra 
in una di queste case e dimostra di non aver "rotto 
niente" è relativamente tranquillo... nel senso che 
fino a quando non gli sarà notificata l'ordinanza di 
sgombero, non dovrebbe avere problemi, Luce e 
acqua sono tranquillamente allacciate... basta pa- 
garle. 

RISPOSTA A): Da qualche tempo un comune la- 
burista a Sud di Londra, ove vi sono poco più di 50 
occupanti, ha affisso centinaia di manifesti ove in- 
vita la gente a denunciare gli occupanti attraverso 
telefonate ad un numero telefonico. Questo suc- 
cede anche in altri comuni laburisti, l'obiettivo è 
quello di criminalizzare, agli occhi dei vicini, gli 
occupanti. In questi manifesti si dice che se nella 
zona mancano case, la colpa è delle occupa- 
zioni. ..e a causa di queste non possono essere 
assegnate case nemmeno agli immi- 
grati. ..ovviamente queste sono cazzate! Visto che 
1/3 delle case della zona sono vuote!! 

Esiste quindi un "patto" tra conservatori e laburisti; 
dope le elezioni uscirà la legge, promossa dai 
primi, di criminalizzazione delle occupazioni e, i 
secondi, a livello locale già stanno preparando il 
terreno... Questi comuni laburisti fanno ricorso an- 
che a mezzi "illegali" per combattere le occupa- 
zioni; mettono falsi manifesti, notificano false or- 
dinanze di sgombero per spaventare gli occu- 
panti... 



RISPOSTA B): ...Anche perchè, perlomeno in teo- 
ria, non possono sbatterli fuori senza un'odinanza 
del tribunale civile. La procedura sarebbe; ti fanno 
la causa, la perdi, ti mandano un avviso ove ti in- 
formano di questo, dopodiché ti dicono di lasciare 
la casa entro una data precisa... e se entro quel 
termine la casa non è stata lasciata, interviene la 
polizia. Questa sarebbe la procedura legale ma in 
realtà accade che a volte arrivano falsi ispettori 
comunali che ti sbattono direttamente fuori. 

RISPOSTA A): Ora i comuni fanno sempre più 
largo uso della polizia per sgomberare, non ci sono 
quasi mai tentativi di resistere e di mantenersi quel 
posto... visto che è facile trovare altri. Si preferisce 
abbandonare la casa prima dell'arrivo della polizia 
in modo da "ripartire" da capo in un altra abita- 
zione. Casi di resistenza si hanno solo in casi di 
alta densità di occupazioni... ma anche in questi 
casi sorgono problemi con i vicini "non-occupanti". 
In molti casi si è creata una certa solidarietà tra gli 
occupanti e i vicini, magari se si tratta di famiglie..., 
ma la politica che prima accennavo dei comuni 
laburisti, sta mettendo nella testa della gente che 
se sono costretti ad aumentare loro l'affitto, questo 
è dovuto al fatto che i loro vicini occupanti non 
pagano... 

DOMANDA: Mi sembra che qui i'occupazione sia 
vista spesso come soddisfacimento di un bisogno 
individuate immediato e che non si cerchi di dare 
ad essa un contenuto socìaie. Nei senso che, da 
queiio che ho visto, si tende a non poiìticizzare ii 
probiema...e ia soiuzione. Cosa ne pensate? 

RISPOSTA A): Pare che attualmente, a causa 
della politica intrapresa negli ultimi dieci anni, ci 
siano più di 10000 giovani costretti a dormire in 
strada.. .quindi ogni notte si ripropone il problema di 
trovare un tetto.. .l'occupazione in questo caso è 
una necessità di sopravvivenza; quel che manca è 
la politicizzazione di questo bisogno immediato. 

DOMANDA: Grossomodo, quante sono ie case 
occupate? 

RISPOSTA A): 30000 a Londra, 50000 in tutta 
l'Inghilterra... 

RISPOSTA B):...è un movimento diffuso ma molto 
frammentato... 

RISPOSTA A): A livello potenziale questo movi- 
mento di occupazione potrebbe creare grossi 
grattacapi... già si stanno formando comitati contro 
la legge che andrà a criminalizzare le occupazioni. 
C'è un gruppo che si chiama "SQUASH" 
(Squatters Action for Secure House), è un gruppo 


di recente costituzione ma, nonostante sia ancora 
numericamente debole, ha già fatto una occupa- 
zione "provocatoria" di un intero palazzo di uffici 
della City durato alcuni giorni. Pian piano tutti i 
quartieri stanno formando un comitato di occu- 
panti, sopratutto a Brixton e a Camden Town, ove 
si cerca di organizzare la lotta degli occupanti an- 
che attorno ai Centri Sociali Occupati. ..in modo da 
assicurarsi una disponabilità immediata di mobili- 
tazione in difesa delle occupazioni. 

RISPOSTA B): La difficoltà è dovuta anche alla 
composizione di questi soggetti, le occupazioni 
sono spesso troppo isolate le une alle altre; non si 
danno quindi risposte comuni ai problemi col co- 
mune, con l'allacciamento della luce, con il quar- 
tiere, con la polizia.. .Questa dispersione intralcia il 
tentativo di organizzazione collettiva e la conse- 
guente politicizzazione... 

RISPOSTA A): Esistono in molti quartieri centri dì 
informazione ove sì spiega come occupare le 
case.. .questi posti sono gestiti da compagni ma 
funzionano spesso come soli "servizi informazione 
pratica".. .come entrare, come non commettere in- 
frazioni penali.. .danno quindi consigli pratici per 
non mettersi nei guai con la legge... 

RISPOSTA B): ...Esìste quindi un problema logi- 
stico di organizzazione dell'autodifesa. Qui chi vìve 
nei palazzi occupati gira con un fischietto per av- 
vertire gli altri occupanti in caso dì "problemi".. .ma 
questo "funziona" nei palazzi, ma nelle sìngole 
abitazioni sparse nei quartieri c'è poco da fare. 

RISPOSTA A): ...Negli anni settanta fu occupato 
un enorme grattacielo nato per ospitare uffici e la- 
sciato vuoto per alcuni anni. ..l'occupazione non 
durò però a lungo, oggi, comunque, manca la ca- 
pacità dì "tentare" occupazioni di massa 
"concentrate". 

DOMANDA: Questi occupanti sono, per io più, 
giovani o famiglie? 

RISPOSTA A): La maggior parte delle occupazioni 
è fatta da famiglie ma, nei comitati dì autodifesa 
delle occupazioni, sono quasi tutti giovani. 

DOMANDA: Cosa è successo qui a Londra, du- 
rante la guerra dei Golfo? Che forme di opposi- 
zione si sono avute? 

RISPOSTA A): Se sì confrontano le lotte che si 
sono avute qua, con quelle intraprese da compagni 
di altri paesi, come ad esempio in Italia o in Ger- 
mania, si può dire che qui non è successo gran- 



chè...mi riferisco sia al "contenuto" che alle "forme" 
di queste lotte... 

Qui ci sono state imponenti menifestazioni orga- 
nizzate da gruppi pacifisti alle quali hanno preso 
parte anche i compagni. .ma i contenuti e le forme 
non sono state granché; non mi risultano, inoltre, 
azioni di sabotaggio o di azione diretta contro gli 
armamenti in partenza per il golfo. 

Qua bisogna dire che la guerra è stata in sostanza 
accettata a livello popolare, ha avuto un "buon so- 
stegno". ..e questo ha contribuito a far crescere il 
sostegno al governo conservatore. ..gli inglesi sono 
comunque "abituati" a guerre... 

Nonostante tutto una certa opposizione c'è stata, 
ma se inizialmente la guerra non godeva di vasto 
sostegno, le cose sono poi cambiate con il suo ini- 
zio "vero e proprio"... 

RISPOSTA B): Non sono molto informato su 
quello che è successo in Italia, ma qui c'è stata un 
camapagna incredibile da parte dei mass me- 
dia... fortissime censure, la BBC ad esempio non 
poteva trasmettere telefilm come "MASH"... perchè 
troppo pacifisti... sono state bandite canzoni alla 
radio come "Imagine" di Lennon... 

Un fatto interessante riguarda un'iniziativa intra- 
presa da un gruppo di giornalisti provenienti da 
diverse testate che hanno organizzato, sin dallo 
scoppio della guerra, un giornale "autogestito" con 
l'obiettivo di rompere il silenzio dei mesia sui fatti di 
guerra. Questo risultava l'unico giornale ove tro- 
vare notizie sulla "guerra vera". Purtroppo quasi 
tutte le iniziative sono state di impronta 
"genericamente" ed "astrattamente" pacifista... 

RISPOSTA A): C'è stato un militare disertore du- 
rante la guerra del Golfo, ha fatto anche un inter- 
vento al termine di un corteo; è stato arrestato su- 
bito dopo la fine della guerra con l'accusa di diser- 
zione ed è tutt'ora in carcere militare. 

DOMANDA: Esistono in inghiiterra esempi di au- 
torganizzazione tra i iavoratori? 

RISPOSTA A): Attualmente esistono poche situa- 
zioni di questo tipo in Inghilterra ma, un paio di 
anni fa, ci fu uno sciopero dei lavoratori della me- 
tropolitana autorganizzato. Qua esistono leggi 
molto rigorose a riguardo delle modalità di scio- 
pero, il sindacato non "poteva permettersi" di 
idirlo...(il tasso di sindacalizzazione tra i lavoratori 
della metropolitana è comunque molto 
basso.. .molta immigrazione degli anni cinquanta 
era stata "richiesta" proprio per avere manodopera 
disponibile a lavorare sotto terra in pessime condi- 
zioni. ..era cioè il tipico lavoro rifiutato dai lavoratori 
inglesi...). Le motivazioni di questo sciopero erano 


largamente legate alla domanda di aumento sala- 
riale... e da questo punto di vista è stato "vinto". 

C'è stato un'altro sciopero autorganizzato dai gui- 
datori delle ambulanze, più o meno nello stesso 
periodo. In questo caso c'è stato un forte sostegno 
da parte della gente; nasce proprio da questa so- 
lidarietà la fine del consenso della gente alla poli- 
tica "antisindacale" del governo conservatore. 
Questi lavoratori si sono trovati "obbligati" a far 
sciopero, il Ministro della Sanità rifiutava nel modo 
più assoluto di ascoltarli e questo è stato capito 
dalla gente che ha con essi solidarizzato. 

In questo caso, però, il sindacato è riuscito a ri- 
prendere "il controllo della situazione" e, dopo tre 
mesi di sciopero, questi lavoratori non hanno pra- 
ticamente ottenuto nulla! 

RISPOSTA B): ...non è più diffusa quella ideologia 
anti-rivendicazioni-sindacali che aveva fatto presa 
a partire dalle politiche del governo conservatore di 
dodici anni fa... 

RISPOSTA A): ...in tutti gli anni ottanta c'è stato un 
calo di iscrizioni al sindacato. ..ma in questi ultimi 
anni c'è stata un "ripresa". ..anche a causa di que- 
sto periodo di forte recessione.. .che qui in Inghil- 
terra sarebbe più opportuno chiamare 
"depressione"... 

DOMANDA: Per quanto riguarda ii "famoso" 
sciopero dei minatori, se ben ricordo, una deiie 
cause dei faliimento di quelia iotta si deve ai fatto 
che il salario dei minatori era fortemente legato alla 
produttività delle minieri nelle quali lavoravano, in 
tal modo i lavoratori nelle cui miniere si produceva 
molto carbone, non hanno solidarizzato con i mi- 
natori in lotta... avrebbero guadagnato molto di più 
visto che la richiesta di carbone per la loro miniera 
sarebbe aumentata durante lo sciopero dei 
"colleghi-concorrenti". . . 

RISPOSTA A): Lo sciopero dei minatori divise 
nettamente il paese in due; da una parte c'è stato 
un forte sostegno agli scioperanti da parte del 
"vecchio movimento operaio laburista", da parte 
della sinistra extraparlamentare... anche perchè un 
intero anno di sciopero non sarebbero stati in 
grado di reggerlo se non avessero avuto un ampio 
sostegno popolare; dall'altra parte, contro gli 
scioperanti, si sono schierati anche molti lavoratori 
{in particolar modo i "nuovi" e meno legati ai di- 
scorsi di solidarietà...). 

La sconfitta, comunque, si è avuta perchè i sin- 
dacati delle altre categorie non sono entrati in 
sciopero in solidarietà con i minatori e perchè 
buona parte dei vertici sindacali e laburisti hanno, 
in sostanza, fatto in modo di isolarli... 



Oltre a tutto questo, i conservatori "scelsero bene" 
il periodo nel quale "provocare" lo sciopero; ave- 
vano preparato forti scorte di carbone, inoltre, du- 
rante lo sciopero, hanno importato carbone dal 
Sudafrica, dalla Polonia e dail'allora Unione Sovie- 
tica che, da una parte offriva gratuitamente va- 
canze in URSS alle famiglie dei minatori in scio- 
pero, e dall'altra vendeva il carbone all'Inghilterra 
consentendogli di battere i lavoratori in lotta!! 

RISPOSTA B): Dopo tutti questi discorsi.. .vorrei 
tentare un minimo di "conclusioni"; da quanto è 
emerso, si sarebbe portati a dire che la situazione 
qui in Inghilterra è quantomeno disastrosa, ma mi 
sembra di poter dire che, al di qua delle appa- 
renze, vi siano spunti da non leggere per forza 
negativamente. 

Qui non è che non ci siano forme di antagonismo, 
anzi esso è incredibilmente diffuso. ..se uno viene a 
Londra e si guarda attorno, può vedere forme di 
ribellione e di antagonismo ovunque... nelle prati- 
che quotidiane della "gente qualunque". ..la signora 
con i bambini che entra nella metropolitana senza 
pagare il biglietto nonostante i severi controlli...! 
quasi trentamila occupanti solo a Londra...! 18 mi- 
lioni di persone che si sono rifiutati di pagare la Poli 
Tax... 

Voglio dire che l'antagonismo c'è ed è diffuso; il 
problema è: quali forme politiche, quali forme or- 
ganizzative, questo antagonismo si può e si deve 
dare, e come far circolare queste lotte tra un mo- 
vimento e feltro? 

Occorre trovare una espressione politica ed una 
forma di intervento adatti. Risulta quindi ormai 
chiaro che tutta la vecchia sinistra, ML, pseudo- 
extraparlamentare ecc..., fa un discorso poiitico 
che non riesce e non riuscirà mai a far "aggregare" 
tutte queste lotte. 

L'unificazione di queste lotte atomizzate deve es- 
sere l'obiettivo che i compagni si devono dare, 
cercando forme e modi fino a qui mai 
"sperimentati", perlomeno in Inghilterra, magari da 
altre parti questo "processo" è già in pratica, e, 
guardacasa, si danno con maggior facilità legami 
tra le diverse lotte... 


24 File : DRUG.TXT 


Riportiamo il volantino stilato dai compagni del 
Collettivo anarchico La Pecora Nera, in ricordo di 
Michele Stinco, amico e frequentatore del centro di 
documentazione, quattordicesima vittima della 
droga e della legge "Russo Jervolino" a Verona 
dall'inizio dell'anno. 

Michele, bucatosi con un'altra persona il 28 aprile, 
e sentitosi poi male è stato abbandonato a se 
stesso e ritrovato cadavere dopo otto giorni, dopo 
che lo stesso individuo, quando ormai tutti, anche i 
compagni, cercavano Michele, ha avvisato la poli- 
zia dei fatti di quel giorno e del luogo dove erano 
avvenuti. 


IN RICORDO DI MICHELE 

Michele, uno di noi, trovato morto dopo otto giorni 
ucciso dall'eroina, ma prima ancora vittima di una 
legge liberticida che lo ha costretto a bucarsi in 
condizioni di completo isolamento, negandogli di 
fatto qualsiasi possibile aiuto, lasciato morire per 
paura di ritorsioni legali e penali. 

Troppo facile scaricare ogni colpa sul suo com- 
pagno di sventura, anch'esso vittima della liberti- 
cida "Russo-Jervolino". 

Troppo comodo ignorare le reali responsabilità di 
un potere che vuole risolvere ciò che ha decretato 
"problema sociale" legiferando norme assassine 
che anziché recuperare, mirano ad eliminare ogni 
elemento scomodo. 

Nessuna legge stroncherà mai affari di miliardi, 
linfa vitale del sistema capitalista. 

Nessuna verità nella propaganda di chi sostiene 
politicamente questo sistema. 

Solo la repressione in ordine della morale ben- 
pensante per cui il tossicodipendente, elemento 
maggiormente visibile, diventa il nemico da elimi- 
nare. 

NO ALLA LEGGE RUSSO-JERVOLiNO! 

NO ALLA CRIMINALIZZAZIONE DEI TOSSICO- 
DIPENDENTI! 

CONTRO L'EROINA, PER UNA PRATICA DI LI- 
BERTÀ'! 


Gli amici della "Pecora Nera 



25 File : GE20516.TXT 


ECN Milano 
GENOVA 

Alle 18.30 la manifestazione si e' conclusa. Un 
imponente schieramento di polizia ha garantito che 
nulla turbasse la serena atmosfera della festa. 

All'arrivo: pulman fermato, identificazione dei 
compagni e perquisizione loro e del pullman. 

Scorta di polizia fino al concentramento. 

Alla manifestazione hanno partecipato 8-900 
persone, non ci sono state tensioni ne' grosse 
provocazioni. 

La piazza in cui il corteo e' terminato e' tuttora cir- 
condata dalla polizia, che a quanto pare e' inten- 
zionata a fare compagnia ai partecipanti fino alla 
loro partenza. 

Redazione ECN Milano 


27 File : PIETRO.TXT 


PROCESSO ALL'OBIEZIONE TOTALE 

Ancora una volta il rifiuto radicale alle leggi e re- 
gole imposte dallo stato viene messo sotto accusa 
e condannato. 

Anche se il gesto dell'obiezione totale è solo la 
scelta di una coerenza politica individuale, la 
condanna di tale scelta riguarda tutti noi e l'area 
antagonista. 

Fronteggiare l'ostacolo a testa alta dunque, as- 
sume un significato politico importante, non solo 
per la difesa della propria identità, ma anche e 
soprattutto per la legittimazione del nostro agire 
collettivo. 

Alla farsa degli arresti di questi giorni, a cui la Mi- 
lano bene assiste sbigottita corrispondono da anni, 
"reali" processi politici che attaccano l'area 
dell'antagonismo anarchico e comunista. 

Dallo sgombero del centro sociale Leoncavallo in 
avanti l'apparato istituzionale-repressivo nelle sue 
molteplici forme, ha cercato (a volte riuscendoci) di 
minare la crescita e lo sviluppo del movimento: i 
processi per le occupazioni, per le manifestazioni 
antifascista (Hauti) e del 1 ° maggio, e per il presi- 


dio sotto la sede della RAI, non sono che piccoli 
esempi. 

AH'interno di questo meccanismo rientrano a pieno 
titolo anche i processi per obiezione totale. A 
maggior ragione quello che si terrà a Torino il 21- 
5-92, nei confronti del militante anarchico Pietro 
Bonadonna; a maggior ragione poiché nell'udienza 
preliminare il capo di accusa emesso è stato di 
"mancanza alla chiamata" e non sono state rico- 
nosciute le motivazioni morali, etiche e filosofiche 
della scelta di obiezione totale, ma solo la sua ille- 
gittimità politica. 

Per questo motivo dunque l'obiezione totale ri- 
mane un gesto di rottura che vuole essere un 
modo positivo per costruire nuovi percorsi di bat- 
taglia, di resistenza e per affrontare un conflitto 
ancora aperto. 

Prendere posizione vuol dire allora dare valore po- 
litico collettivo ad una scelta individuale politica- 
mente forte, vuol dire riconfermare l'importanza di 
una realtà che nella coerenza e volontà antagoni- 
sta di ogni compagno deve trarre la sua forza. 

COLLETTIVO MAGGIO 

Invitiamo tutti i compagni a partecipare al processo 
del 21-5-92 (ore 9.00 tribunale militare di Torino, 
oppure appuntamento alle 6.30 alla biglietteria 
della stazione centrale). Cassa di solidarietà c/o 
libreria Utopia, Via Moscova 52, Milano 20121 
(specificare la causale Pietro Bonadonna). 



*****A"A - A*AA - **»A - A** **j>n» ^^ 

ECN MILANO - Calendario iniziative 

■ A*AAA ' A"A * A - *A Ar* *AAA*A*A * A*AAAAAA - A**A ** *A ** *A Ar A"A"A ' AA** **^^ 

m i I a n 0 

»>» * PARCO LAMBRO 1992* ««< 
dal 2 al 5 luglio 

"NUOVA DESTRA SOCIALE E PERCORSI DI LIBERAZIONE" 

*** A - ** ***** * * AAAA r A"A* * * A *A* * A - A - A*A - *A ' AAAAA*** **** *A"A *A*A**** 

Mercoledì' 20 maggio - ore 21 .30 - C.S. LEONCAVALLO 
ASSEMBLEA: PER COSTRUIRE UNA RADIO DI MOVIMENTO A MILANO 

***A A - A -* *AAATAAA - A"A -****AnA******* * * A ' A - *A - *A - * * * - A - A -* AAA - A -* A - A"A ' AAA*A - A* 

Venerdì' 22 maggio C.S LEONCAVALLO 
CONCERTO : Neurodeliry 

* AA - A AnAArA* A -*** *A -* * A *AAA - *A ' A ****** A -*Ar AA * A n A *Ant*- A - * ^ ^ ^ 

Sabato 23 Maggio - C.S. LEONCAVALLO 
CONCERTO: MAGRITANGO 

***A**A* A - A - A -** A - A - A - A*A -**** A -* * ** A - *A - AA * A"AA ** AAA - A - A"AA ' A - A ' A ' A ' AA"A* 

C.S. LEONCAVALLO 

Domenica 24 - Lunedi' 25 Maggio - ore 22 TEATRO 
con la compagnia INSTABILE QUIK in: "KAOS" 

A ' A ' A * A ~ A"A"A r*' A"A A** A :Anlc A ~* A 'ifc~ A"A"A ' A ' A ' A"A 'A' AA ’ A ’**A;i<nAA: A ~ArA A ‘Ar A ~* A ~A* A ~ A ' A"A ' A ‘ A"A ’ A Vo>rA 

Venerdì' 29 Maggio - C.S. LEONCAVALLO 
CONCERTO: KINA 

AAA T AA - A - A - A - *A - A - AA - A - A"A * v l;- A ' A - *A - **A*A - A - *A - A r A - A"A"A - A"AA*A - A - AA - A - AA - A - A">U : ATAA - *A - *A -^ ^ 

Sabato 30 Maggio - C.S. LEONCAVALLO 
CONCERTO: RISE (Ontario) 

*Ar***A A nA *A - ** ** *A - A - * ******A **** * A - A -**A**** A -****AnA A - A -** A -* -A"AA - A - A -' A - 

C.S. LEONCAVALLO 

Domenica 7 Giugno - ore 22 TEATRO con la compagnia 
PALCOSCEMICI in: "e comici pazzi e sognatori" 

AAnWr**** * **** ***** * * **** ***** * * * * * * * **** * * ' ********** * * * * * * 

Venerdì' 12 giugno C.S. LEONCAVALLO 
CONCERTO: ASTENIA 

*** Af A - ***A - * ** * * A -* *AA*AAA n* iA - * **** A - j lc* *A * A ** AA - A - A"AAA - * * * 

Sabato 13 giugno C.S. LEONCAVALLO 
CONCERTO : DIE FIRMA (Berlino) 

* A ■* *A ^*■ AA ^* A ^*■ A ^ A ^ A ^ A ^ A ^ A ■ A •Ar A ■ AA ■ A^^ ^ A ^ A ^ A •**■ AA - A •* A ^AA^ A ** A ■ A ^ A ^ A n^ r * A ^ A ■ A ** A ■ A ^ A ■ A ^■ AA ■■ AA ■ 

C.S. LEONCAVALLO 

Domenica 14 Giugno - ore 22 TEATRO con la compagnia 
GLINFONDOASINISTRA in: "LA CITTA DEGLI ANIMALI" 

A - AA"AA - A ' AAA - A - A - AA - AAA - A -****A AA ** A* * A - A -****** * * A - **A"A * AAA - AAA - A - A* ** A -A 

Sabato 20 Giugno C.S. LEONCAVALLO 
CONCERTO: THAT'IT (USA) 

A - A -Anlc A -* A - A -*** A - A - A - A - A - A - AAAAAA ' *** ’*r A*A - A - A -An fc *A A - A - A -A* A -An t -* A - AA - AAA - AAAA - AA 

Domenica 21 Giugno C.S. LEONCAVALLO 
CONCERTO: NO USE FOR A NAME 

A AA - AA - AAA -AAA A AAr A - AAA - AA - A - A - A rAA AA AA AA - AA - A - A - AA A AA - A -A A -A A -A AA - AAAA AAAAA* 

Venerdì' 26 Giugno C.S. LEONCAVALLO 
CONCERTO; MDC (USA) 


F.i.P. MI Leoncavallo 22 18/05/92